Italia Markets closed

Plastic tax e gasolio, ecco quanto spenderanno le famiglie

webinfo@adnkronos.com

"Se i costi delle misure ambientali inserite nella manovra del Governo saranno scaricati sui consumatori finali, ogni famiglia italiana dovrà pagare un aggravio di spesa pari a +165 euro solo nel biennio 2020-2021". Lo afferma il Codacons, che ha elaborato le ripercussioni dei provvedimenti legati alla Legge di Bilancio. 

"La tassa sugli imballaggi in plastica rischia di trasformarsi in una tassa a carico dei cittadini", spiega il Codacons. Questo perché, rileva le associazioni dei consumatori, "le aziende non potranno accollarsi i costi del nuovo balzello, che sarà quindi scaricato sui consumatori finali. A tale misura si aggiunge poi l'eliminazione del beneficio sul gasolio per l'autotrasporto per i veicoli Euro3 e Euro4 e una tassa per i prodotti inquinanti impiegati per la produzione di energia: tutte voci che riguardano in modo diretto gli utenti e le loro tasche e che produrranno un incremento dei prezzi al dettaglio per i prodotti trasportati su gomma, con possibili ripercussioni negative sui consumi". 

Analizzando le entrate garantite da tali provvedimenti ecologisti, pari a 1,8 miliardi di euro nel 2020 e 2,5 miliardi nel 2021, su ogni famiglia italiana si profila una stangata pari a 165 euro solo nel biennio in questione, qualora il Governo non corra ai ripari per tutelare le tasche dei cittadini. 

"Chiediamo all’esecutivo di inserire in Manovra misure che evitino il trasferimento di tali costi sui consumatori finali, perché il rischio è che siano gli italiani a pagare il conto della svolta “verde” del Governo, con un impatto per le famiglie che avrebbe ripercussioni negative sui consumi già in evidente crisi", conclude il presidente Carlo Rienzi.