Italia markets close in 4 hours 5 minutes
  • FTSE MIB

    26.061,09
    +298,99 (+1,16%)
     
  • Dow Jones

    34.814,39
    +236,82 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    15.161,53
    +123,77 (+0,82%)
     
  • Nikkei 225

    30.323,34
    -188,37 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    72,46
    -0,15 (-0,21%)
     
  • BTC-EUR

    40.769,09
    +134,67 (+0,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.234,54
    +37,32 (+3,12%)
     
  • Oro

    1.779,60
    -15,20 (-0,85%)
     
  • EUR/USD

    1,1773
    -0,0053 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    4.480,70
    +37,65 (+0,85%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    -365,36 (-1,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,58
    +36,64 (+0,88%)
     
  • EUR/GBP

    0,8511
    -0,0024 (-0,28%)
     
  • EUR/CHF

    1,0884
    +0,0019 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4870
    -0,0046 (-0,31%)
     

Pmi eurozona: timori per Delta e input permangono, ma per ora non deraglia rimbalzo

·1 minuto per la lettura

Tra i dati in evidenza oggi c'è il Pmi composito della zona euro che è sceso a 59,5 dal precedente 60,2 a luglio, attestandosi al valore più basso in 2 mesi. Per Bert Colijn, economista seniore dell'Eurozona di ING, "il calo del Pmi dell'Eurozona era previsto, dopo il forte rimbalzo alla riapertura dell'economia dell'Eurozona. "I numeri di agosto sono ancora molto forti rispetto agli standard storici, ma mostra un certo raffreddamento dal picco di luglio. Questo può essere interpretato come una conferma di una crescita solida che il Pil dovrebbe mantenere nel terzo trimestre intorno al 2% su base trimestrale", aggiunge Colijn concludendo che "le preoccupazioni per l'impatto della variante Delta e la carenza di input permangono, ma finora non hanno fatto deragliare il rimbalzo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli