Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.204,71
    -20,87 (-0,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Pnrr, Onfoods la fondazione per un modello alimentare sostenibile

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 nov. (askanews) - Un modello di alimentazione sostenibile, sicura e accessibile a tutti. E' questo l'obiettivo di Onfoods, la fondazione che unisce istituzioni pubbliche e private nata nell'ambito di uno dei 14 partenariati estesi previsti dal Pnrr, nell'area "Modelli per un'alimentazione sostenibile". Per gli enti aderenti è previsto un finanziamento di 114,5 milioni di euro per attività progettuali di ricerca fondamentale, industriale e di sviluppo sperimentale. La fondazione è stata presentata in via ufficiale a Parma presso l'Università che è l'ente capofila (e proponente del progetto) di questo gruppo di lavoro composto da 26 membri tra istituti universitari e di ricerca accanto a società e cooperative nazionali (Barilla, Bolton Food, Sacco System, De' Longhi, CirFood, Tecnoalimenti e Confcooperative).

Attraverso un nuovo modello di alimentazione sostenibile, Onfoods si impegna a generare un impatto tangibile sul benessere e sulla salute delle persone, contribuendo a garantire l'accesso a una nutrizione adeguata a tutti, e a preservare il Pianeta. Attraverso la collaborazione tra università e impresa, pubblico e privato, la Fondazione punterà ad applicare concretamente i progetti di ricerca nello scenario del sistema produttivo, rendendo la ricerca un abilitatore del progresso, funzionale allo sviluppo industriale e al rilancio del Paese.

La Fondazione, dunque, lavorerà in modo sinergico per raggiungere nell'arco di 36 mesi sei obiettivi strategici in linea con quelli del Pnrr, del programma quadro della ricerca Horizon Europe e in linea con l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (SDGs).

"In primo luogo, sono orgoglioso del fatto che questo grande progetto di ricerca e sviluppo in ambito alimentare vede il suo punto di fuoco a Parma e nella sua Università, che da anni ormai ha conquistato grande credibilità internazionale in questo settore - ha commentato Daniele Del Rio, coordinatore del progetto Onfoods, professore ordinario di Nutrizione umana dell'Università di Parma - Siamo fieri di aver raggiunto l'ambizioso obiettivo di riunire, sotto l'egida della fondazione ONFOODS, tutte le migliori competenze nazionali, pubbliche e private, per affrontare una tematica centrale ed estremamente multidisciplinare come la definizione dei modelli che renderanno l'alimentazione del futuro sostenibile da tutti i punti di vista. Siamo di fronte ad un'opportunità unica, che può essere affrontata solo con un grande lavoro di squadra e che può significare un netto miglioramento della qualità di vita delle future generazioni. Siate certi che non ce la faremo sfuggire"

Il primo aggiornamento sarà entro l'estate 2023, un appuntamento durante il quale Onfoods condividerà i progetti avviati, le competenze coinvolte e le regole di ingaggio delle nuove realtà imprenditoriali che potranno collaborare a far crescere il partenariato.