Italia markets close in 7 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    22.169,63
    +108,65 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.787,54
    +353,92 (+1,34%)
     
  • Petrolio

    45,65
    +0,31 (+0,68%)
     
  • BTC-EUR

    16.253,20
    +2,19 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    383,12
    +18,52 (+5,08%)
     
  • Oro

    1.796,50
    +15,60 (+0,88%)
     
  • EUR/USD

    1,1976
    +0,0041 (+0,35%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    26.567,68
    +226,19 (+0,86%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,01
    +34,47 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8948
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0850
    +0,0018 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,5512
    -0,0002 (-0,01%)
     

Ponte di Genova: robot al lavoro, 25.000 fotografie ogni 8 ore

Rar
·1 minuto per la lettura

Milano, 16 nov. (askanews) - Con l'inizio delle prove di movimentazione sono entrati in azione i due robot iper-tecnologici impiegati per la pulizia e la sicurezza del nuovo Ponte Genova San Giorgio. Due coppie di macchine uniche, installate tanto sul lato mare quanto sul lato monte che rendono l'opera, realizzata dal Gruppo Webuild insieme a Fincantieri, uno dei viadotti più tecnologici in Italia. I due robot sono entrati in funzione con l'inizio delle prove dopo settimane di lavorazioni e di analisi. Il robot wash tratta la parte esterna dei cristalli con le spazzole, e la parte interna con spazzole e con un getto di aria a pressione. Il robot inspection, invece, è in grado discattare 25.000 fotografie nel giro di 8 ore. Immagini che vengono confrontate con quelle scattate in precedenza per verificare se ci sono anomalie sulla scocca del ponte. "Si tratta di due tipologie di robot - ha spiegato Marco Bazzarello, responsabile Webuild delle dotazioni tecnologiche del ponte - uno denominato robot wash, destinato alla pulizia dei pannelli di cristallo ai lati delle carreggiate e dei pannelli fotovoltaici, l'altro denominato robot inspection, incaricato di scansionare il carter inferiore del ponte per garantire sempre i livelli massimi di controllo e sicurezza. Il sistema di pulizia progettato dall'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova ha permesso di ridurre al minimo gli interventi umanisul ponte, riducendo al massimo i rischi. Una caratteristica che non abbiamo ancora visto su nessun altro viadotto".