Italia Markets open in 1 min

Ponte Morandi: Onorato, 'abbiamo creduto in Genova e numeri ci stanno dando ragione'

webinfo@adnkronos.com
"Abbiamo deciso di credere nella città, in Toti, in Bucci, anche scegliendo di basare sul porto di Genova la Maria Grazia Onorato, la più grande ro-ro per il traffico merci di tutto il Mediterraneo, e anche in questo caso i numeri ci stanno dando ragione nella scelta di continuare ad investire su Genova". Lo ha detto Vincenzo Onorato partecipando, nell'ambito di "Liguria d'autore", a un incontro dal titolo "Ponte e a capo", insieme al sindaco di Genova e commissario straordinario per la ricostruzione Marco Bucci, intervistati da Andrea Scuderi (direttore Primocanale), Matteo Indice (La Stampa) e Tommaso Fregatti (Il Secolo XIX). "Vi racconto un retroscena - ha svelato Onorato - Verso fine dello scorso anno ho incontrato il sindaco Bucci e il governatore Toti e ho confidato loro le mie preoccupazioni per il traffico passeggeri sul Porto di Genova. I dati erano drammatici, con un calo delle prenotazioni del 35-40 per cento, dovuto principalmente alla percezione all'estero, in Germania, in Svizzera, nei Paesi del Nord Europa che serviamo, ma anche in alcune parti nel Nord Italia, che Genova fosse irraggiungibile a causa del crollo del Morandi. Anche i miei manager di fronte a questi numeri mi consigliavano di cambiare gli operativi, spostando navi su altri porti". "Ma io e la mia famiglia siamo legatissimi a Genova - una città da cui muoviamo un milione di passeggeri l'anno verso la Sardegna e la Corsica - abbiamo testardamente deciso di credere nella città e nella sua capacità di andare avanti, anche grazie alla capacità e alla bravura di amministratori come Giovanni Toti e Marco Bucci, che hanno gestito benissimo la situazione e sono un esempio di buon governo a tutti i livelli e hanno creato", ha aggiunto il patron di Moby-Tirrenia. Quindi, ha raccontato Onorato, "anche intervenendo con iniziative mirate, come quella sugli agenti di viaggio internazionali, abbiamo invertito il trend e oggi siamo solo il tre per cento sotto rispetto all'anno scorso. E contiamo, fra poco, di avere addirittura un sostanziale pareggio sul numero di viaggiatori in partenza da Genova". L'armatore poi è tornato su un suo cavallo di battaglia, l'eticità del lavoro: "Quello dei marittimi, italiani, ma non solo, pagati però tutti con contratto di diritto italiano, per combattere quella che altrimenti è solo globalizzazione della miseria, ma anche quello dei portuali. Non è possibile che una categoria come quella degli armatori, che ha grandi vantaggi fiscali, sfrutti i lavoratori".

"Abbiamo deciso di credere nella città, in Toti, in Bucci, anche scegliendo di basare sul porto di Genova la Maria Grazia Onorato, la più grande ro-ro per il traffico merci di tutto il Mediterraneo, e anche in questo caso i numeri ci stanno dando ragione nella scelta di continuare ad investire su Genova". Lo ha detto Vincenzo Onorato partecipando, nell'ambito di "Liguria d'autore", a un incontro dal titolo "Ponte e a capo", insieme al sindaco di Genova e commissario straordinario per la ricostruzione Marco Bucci, intervistati da Andrea Scuderi (direttore Primocanale), Matteo Indice (La Stampa) e Tommaso Fregatti (Il Secolo XIX). 

"Vi racconto un retroscena - ha svelato Onorato - Verso fine dello scorso anno ho incontrato il sindaco Bucci e il governatore Toti e ho confidato loro le mie preoccupazioni per il traffico passeggeri sul Porto di Genova. I dati erano drammatici, con un calo delle prenotazioni del 35-40 per cento, dovuto principalmente alla percezione all'estero, in Germania, in Svizzera, nei Paesi del Nord Europa che serviamo, ma anche in alcune parti nel Nord Italia, che Genova fosse irraggiungibile a causa del crollo del Morandi. Anche i miei manager di fronte a questi numeri mi consigliavano di cambiare gli operativi, spostando navi su altri porti". 

"Ma io e la mia famiglia siamo legatissimi a Genova - una città da cui muoviamo un milione di passeggeri l'anno verso la Sardegna e la Corsica - abbiamo testardamente deciso di credere nella città e nella sua capacità di andare avanti, anche grazie alla capacità e alla bravura di amministratori come Giovanni Toti e Marco Bucci, che hanno gestito benissimo la situazione e sono un esempio di buon governo a tutti i livelli e hanno creato", ha aggiunto il patron di Moby-Tirrenia. 

Quindi, ha raccontato Onorato, "anche intervenendo con iniziative mirate, come quella sugli agenti di viaggio internazionali, abbiamo invertito il trend e oggi siamo solo il tre per cento sotto rispetto all'anno scorso. E contiamo, fra poco, di avere addirittura un sostanziale pareggio sul numero di viaggiatori in partenza da Genova". 

L'armatore poi è tornato su un suo cavallo di battaglia, l'eticità del lavoro: "Quello dei marittimi, italiani, ma non solo, pagati però tutti con contratto di diritto italiano, per combattere quella che altrimenti è solo globalizzazione della miseria, ma anche quello dei portuali. Non è possibile che una categoria come quella degli armatori, che ha grandi vantaggi fiscali, sfrutti i lavoratori".