Italia Markets closed

Popolare Bari, Mcc: intervento coerente con nostre linee sviluppo

Glv

Roma, 8 gen. (askanews) - Il decreto legge per la Banca popolare di Bari con "la scelta di Mcc quale cardine e volano della strategia d'intervento" appare "perfettamente coerente con le linee di sviluppo" del Mediocredito Centrale. Lo ha detto l'amministratore delegato di Mcc, Bernardo Mattarella, in un'audizione alla Camera. Linee di sviluppo che mirano "al raggiungimento di una modalità efficiente e sostenibile per iniettare linfa creditizia al tessuto delle Pmi meridionali, che il sistema bancario tradizionale non alimenta a sufficienza".

Lo scenario indicato, ha spiegato Mattarella , "potrà vedere il primo passo concretizzarsi attraverso il rafforzamento patrimoniale della Popolare di Bari, il più grande istituto creditizio del Mezzogiorno". La situazione di difficoltà dell'istituto pugliese, "se da un lato rappresenta una situazione cui certamente porre rimedio per evitare ancora più dure conseguenze sul territorio, dall'altro rappresenta l'opportunità di creare un soggetto che, una volta adeguatamente risanato e ristrutturato, potrà svolgere la sua funzione creditizia anche aprendosi ad altre realtà che vogliano aderire".

Nell'architettura delineata in un accordo quadro perfezionato il 31 dicembre, il Fitd "è intervenuto mediante un'iniezione di capitale di 310 milioni e interverrà ulteriormente nel capitale della banca fino a un ammontare massimo complessivo di 700 milioni. Mcc potrà intervenire sottoscrivendo un aumento di capitale per un importo che sarà determinato in funzione di un rendimento di mercato del capitale investito".

"Gli interventi dell'Fitd e di Mcc - ha aggiunto Mattarella - saranno basati su un piano industriale prodotto dalla banca e condiviso con le altre parti, da cui risulti un fabbisogno patrimoniale effettivo, necessario al rilancio concreto della banca, determinato all'esito di un processo di due diligence a cui parteciperanno tutte le parti, con i rispettivi consulenti, anche con riferimento alle risultanze rivenienti dalle passate gestioni".