Italia markets open in 6 hours 55 minutes
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.475,62
    +142,10 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1421
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    37.103,61
    -819,39 (-2,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.019,70
    -6,03 (-0,59%)
     
  • HANG SENG

    24.218,03
    -165,29 (-0,68%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     

Popolare di Sondrio: via libera dei soci alla trasformazione in Spa

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 dic. (askanews) - L'assemblea dei soci della Banca Popolare di Sondrio ha deliberato, in sede straordinaria, la trasformazione da società cooperativa per azioni in società per azioni, con conseguente adozione del nuovo statuto sociale. Hanno partecipato ai lavori 2610 soci: i voti favorevoli sono stati 2517, i contrari 38, gli astenuti 39 (non computati 16).

"Si tratta - sottolinea una nota dell'istituto - di un passaggio storico per la Banca Popolare di Sondrio, resosi necessario a seguito della riforma delle banche popolari, che ha stabilito che possono adottare la forma giuridica di banca popolare i soli intermediari bancari il cui attivo non superi il valore di 8 miliardi di euro. La trasformazione in società per azioni è pertanto stata una scelta obbligata".

Con l'adozione del nuovo statuto si stabilisce il principio, proprio delle società per azioni, secondo cui ogni azione attribuisce il diritto a un voto. "Questo principio - evidenza la banca - riassume in sé il cambiamento fondamentale nel processo di governo aziendale e sancisce l'abbandono del mondo cooperativo nel quale è nata e si è sviluppata nei suoi 150 anni di storia. Peraltro, il nuovo statuto offre un senso di continuità fra il ruolo fin qui svolto dalla Popolare di Sondrio e quello che, trasformata in società per azioni, è ora chiamata a esercitare a favore delle famiglie, delle piccole e medie imprese, delle cooperative e degli enti pubblici e privati, prestando peculiare attenzione ai territori serviti, a partire da quelli di origine della Valtellina e della Valchiavenna".

"Tutto ciò - conclude l'istituto - anche al fine di non disperdere un modo di essere nei fatti banca dei territori che ha permesso di dare vita e progressivamente sviluppare un modello aziendale caratterizzato dalla stabilità della base sociale, dalla profittabilità della gestione, oltre che dalla forte e riconosciuta identità, che continua a essere fattore distintivo assai apprezzato da una clientela vasta ed eterogenea".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli