Italia markets closed
  • FTSE MIB

    27.543,96
    -300,44 (-1,08%)
     
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.124,28
    -364,82 (-1,28%)
     
  • Petrolio

    83,82
    +1,70 (+2,07%)
     
  • BTC-EUR

    37.743,43
    -499,71 (-1,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.037,76
    +12,03 (+1,17%)
     
  • Oro

    1.817,30
    -4,10 (-0,23%)
     
  • EUR/USD

    1,1416
    -0,0044 (-0,39%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     
  • HANG SENG

    24.383,32
    -46,48 (-0,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.272,19
    -43,71 (-1,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8341
    -0,0013 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0431
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4328
    -0,0003 (-0,02%)
     

Posta foto su Fb e lo rintracciano, arrestato latitante

·1 minuto per la lettura

E’ stato rintracciato grazie a una foto su Facebook, postata e poi rimossa dopo qualche ora, un latitante originario del Molise, ricercato per numerosi reati tra quali rapina, ricettazione e truffa, commessi nelle province di Campobasso e Chieti dal 2010 al 2018. Il quarantasettenne, già noto alle forze dell’ordine, era fuggito all’estero da oltre tre anni, pensando di scampare alla cattura e alla giustizia.

A tradirlo, però, sono stati alcuni scatti postati dall’uomo proprio sui social e che ritraevano un ponte in una nota località del Belgio. Le foto, immediatamente notate dai militari della compagnia di Larino, hanno permesso di approfondire la ricerca. Grazie, infatti, a un ponte pedonale visibile appena sullo sfondo della foto, gli investigatori sono riusciti ad incastrare il latitante. E' stata avviata un’autentica caccia al luogo e si è risaliti a una località belga di nome Toumai, al confine con la Francia.

Immediatamente sono stati avviati i rapporti con S.I.R.E.N.E., una struttura appositamente creata dal ministero dell’Interno per lo scambio di informazioni tra forze di polizia nell’area dell’Unione Europea che ha funzionato da ponte comunicativo e di interscambio informativo tra i militari dell’Arma e quelli di Francia e Belgio. Si è così risaliti al 47enne che, una volta fermato, è stato identificato attraverso la comparazione delle impronte digitali.

Ora dovrà scontare oltre cinque anni di reclusione e dopo l’arresto è stato portato in una casa di reclusione belga, in attesa di estradizione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli