Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.998,45
    +220,69 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    13.520,03
    -232,21 (-1,69%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2161
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    46.915,07
    -710,68 (-1,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.524,65
    -36,64 (-2,35%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.223,12
    -9,48 (-0,22%)
     

Poste Italiane: a.d. Del Fante, 67% investimenti per trasformazione gruppo

Redazione Finanza
·1 minuto per la lettura

"Nei prossimi 4 anni investiremo 3,1 miliardi di euro, e il 67% di questa somma sarà utilizzato per la trasformazione del Gruppo". A dirlo l'amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, che in un lungo colloquio in esclusiva con il Financial Times racconta l’azienda in prima linea contro la pandemia da Covid-19, il supporto alle istituzioni e l’impegno per la modernizzazione dei servizi del Paese. Il quotidiano finanziario britannico si concentra sulla strategia alla base del nuovo piano industriale '2024 Sustain&Innovate', sul successo ottenuto nelle diverse business unit, dalla gestione del risparmio alle assicurazioni, dai pagamenti digitali alla logistica. Del Fante, sottolinea il Financial Times, crede che per giocare al meglio il suo ruolo di guida nella digitalizzazione dell’Italia l’azienda debba mantenere la sua capillare presenza fisica con 12.800 uffici postali. "Soltanto le aziende che mantengono la loro presenza fisica sul territorio – scrive il quotidiano britannico, citando le parole di Del Fante – possono avere un ruolo attivo nella digitalizzazione del Paese, perché il digital divide (tra generazioni) continuerà per molti anni, e dunque non si potrà fare a meno dell’infrastruttura fisica". Ancora, Del Fante ha osservato che "sarebbe molto difficile avere in gestione risparmi per 570 miliardi di euro, se non avessimo una forte presenza fisica nel Paese".