Italia markets close in 50 minutes
  • FTSE MIB

    24.339,66
    +178,28 (+0,74%)
     
  • Dow Jones

    34.016,97
    -120,34 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    13.978,14
    +27,92 (+0,20%)
     
  • Nikkei 225

    29.188,17
    +679,62 (+2,38%)
     
  • Petrolio

    60,88
    -0,47 (-0,77%)
     
  • BTC-EUR

    45.517,80
    -1.085,20 (-2,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.275,34
    +32,29 (+2,60%)
     
  • Oro

    1.784,50
    -8,60 (-0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,2013
    -0,0026 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    4.170,24
    -3,18 (-0,08%)
     
  • HANG SENG

    28.755,34
    +133,42 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.009,35
    +32,94 (+0,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8677
    +0,0038 (+0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,1032
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5035
    -0,0005 (-0,03%)
     

Poste Italiane prevede al 2024 utile a 1,6 mld (+33 rispetto al 2020) e crescita di tutti i segmenti

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Poste Italiane ha diffuso il nuovo piano strategico “2024 Sustain & Innovate”, che prevede una crescita dei risultati finanziari e una politica dei dividendi competitiva. Riguardo ai target finanziari, il gruppo stima ricavi in aumento a 12,7 miliardi nel 2024, con un tasso annuo di crescita (Cagr) del 3%, grazie al contributo di tutti i segmenti di business. In particolare, l'unità Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione andrà in utile nel 2025, con una maggiore incidenza dei ricavi da pacchi rispetto a quelli da corrispondenza, mentre per quanto riguarda l'attività di Servizi Assicurativi, i prodotti Vita saranno al centro del wealth management di gruppo. Proseguirà l’integrazione dei servizi di pagamento, servizi telco e anche l'offerta di energia. Tornando agli obiettivi finanziari, Poste prevede un risultato operativo in crescita a 2,2 miliardi nel 2024, con un aumento annuo del 5%. L'utile netto è atteso in rialzo a 1,6 miliardi nel 2024, con un Cagr del 6% e un +33% rispetto al 2020. Infine, la spesa per investimenti è prevista al livello record di 3,1 miliardi, tra il 2021 e il 2024, a sostegno della trasformazione, con oltre il 60% degli investimenti aventi caratteristiche ESG.