Italia markets open in 4 hours 45 minutes
  • Dow Jones

    29.823,92
    +185,32 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    12.355,11
    +156,41 (+1,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.756,37
    -31,17 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,2082
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    15.507,26
    -34,11 (-0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    367,83
    -12,03 (-3,17%)
     
  • HANG SENG

    26.517,48
    -50,20 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.662,45
    +40,82 (+1,13%)
     

Poste Italiane: utile netto cresciuto del 10% nel III trimestre, ricavi di nuovo a regime

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Poste Italiane ha chiuso il terzo trimestre dell'anno con un utile netto di 353 milioni, in rialzo del 10,3% rispetto allo stesso periodo del 2019. I ricavi si sono attestati a 2,6 miliardi (+0,8%), con le attività commerciali di nuovo a regime. In particolare, i ricavi da pacchi controbilanciano quasi totalmente il declino della corrispondenza, mentre il business pagamenti e mobile ha visto crescere i ricavi dell'8,2% a 185 milioni. Bene anche i servizi assicurativi, in rialzo del 7% a 454 milioni, con raccolta netta e lorda in crescita. L'Ebit è salito del 4,2% a 479 milioni, e del 10% a 507 milioni esclusi i costi straordinari per affrontare l'emergenza. Questo risultato è ancora più positivo se si tiene presente che il 2019 è stato un anno da record. “Questo trimestre ha mostrato chiari segnali di ripresa, confermando la solidità del nostro business model in tutti i settori - ha commentato Matteo Del Fante, amministratore delegato e direttore generale di Poste Italiane - (...) Siamo più che mai preparati alla seconda ondata, confermando il nostro ruolo di operatore di sistema italiano. L'attività operativa è solida e la nostra attenzione alla disciplina dei costi ci offre ulteriore flessibilità per affrontare potenziali difficoltà nei ricavi".