Italia markets open in 4 hours 27 minutes
  • Dow Jones

    31.438,26
    -62,42 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.524,55
    -83,07 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    26.866,46
    -4,81 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,0576
    -0,0010 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    19.488,88
    -583,78 (-2,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    447,25
    -14,54 (-3,15%)
     
  • HANG SENG

    22.021,14
    -208,38 (-0,94%)
     
  • S&P 500

    3.900,11
    -11,63 (-0,30%)
     

Prandini: dichiarare stato emergenza per siccità

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 giu. (askanews) - "A fronte di una crisi idrica la cui severità si appresta a superare quanto mai registrato dagli inizi del secolo scorso, chiediamo che venga dichiarato al più presto lo stato di emergenza nei territori interessati, tenuto conto del grave pregiudizio degli interessi nazionali". E' quanto chiede il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nella lettera inviata al presidente del Consiglio Mario Draghi in merito alla grave siccità che sta mettendo in ginocchio l'Italia, chiedendo "l'intervento del sistema della Protezione civile per coordinare tutti i soggetti coinvolti, Regioni interessate, Autorità di bacino e Consorzi di bonifica, e cooperare per una gestione unitaria del bilancio idrico".

Accanto a misure per immediate per garantire l'approvvigionamento alimentare della popolazione, per Prandini "appare evidente l'urgenza di avviare un grande piano nazionale per gli invasi che Coldiretti propone da tempo. Raccogliamo - denuncia il presidente della Coldiretti - solo l'11% dell'acqua piovana e potremmo arrivare al 50% evitando così situazioni di crisi come quella che stiamo soffrendo anche quest'anno".

Oltre alla siccità, c'è anche il problema degli incendi, triplicati nell'ultimo anno rispetto alla media storica, con un più di un rogo ogni due giorni dall'inizio del 2022.

Le alte temperature e l'assenza di precipitazioni, sottolinea Coldiretti, hanno inaridito i terreni nelle aree più esposte al divampare delle fiamme. Una situazione drammatica spinta dal cambiamento climatico che favorisce incendi più frequenti e intensi, con un aumento globale di quelli estremi fino al 14% entro il 2030 e del 50% entro la fine del secolo secondo l'Onu.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli