Italia markets close in 4 hours 44 minutes
  • FTSE MIB

    26.450,97
    +117,98 (+0,45%)
     
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.255,55
    +40,03 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    82,04
    -0,92 (-1,11%)
     
  • BTC-EUR

    54.940,62
    +1.077,89 (+2,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,66
    +18,31 (+1,25%)
     
  • Oro

    1.779,40
    +8,90 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1633
    -0,0004 (-0,03%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    26.136,02
    +348,81 (+1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.166,98
    +0,15 (+0,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8449
    +0,0017 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,0738
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4363
    -0,0012 (-0,09%)
     

Prandini: a tavolo latte accolta proposta su aumento prezzo minimo

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 set. (askanews) - "Con un atto di responsabilità è stata accolta la nostra proposta per un adeguato aumento del prezzo minimo del latte alla stalla in Italia senza che vi sia un impatto sui consumatori". E' quanto afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel rendere nota la disponibilità espressa da Conad, Coop, Granarolo, Federdistribuzione e Assolatte, al tavolo convocato dal Ministro Stefano Patuanelli sulla crisi del latte su sollecitazione della Coldiretti.

"Il positivo accoglimento della nostra proposta - afferma Prandini - va ora calato concretamente nella realtà di tutti i giorni per renderla operativa già dal mese di ottobre per salvare le stalle strette nella morsa dei rincari delle materie prime".

"All'applicazione dell'intesa - sottolinea Prandini - deve seguire una adeguata campagna pubblica di sensibilizzazione sul consumo di latte e derivati e per la valorizzazione di una produzione nazionale che supera le 12 milioni di tonnellate all'anno. La stabilità della rete zootecnica italiana ha un'importanza che non riguarda solo l'economia nazionale ma ha una rilevanza sociale e ambientale perché quando una stalla chiude - conclude Prandini - si perde un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di formaggi tipici e soprattutto di persone impegnate a combattere, spesso da intere generazioni, lo spopolamento e il degrado dei territori soprattutto in zone svantaggiate".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli