Italia Markets closed

Predappio, niente soldi per viaggio ad Auschwitz

Binario Auschwitz Birkenau, Polonia

Il Comune di Predappio ha deciso di non sostenere finanziariamente il viaggio di istruzione di uno studente delle scuole superiori ad Auschwitz. Il progetto "Promemoria Auschwitz" è realizzato in tutta Italia e promuove la presa di coscienza nei confronti di tragedie che non possono essere dimenticate.

LEGGI: "Condanno l'antisemitismo. Applaudiremo Liliana Segre", dice Meloni

"Non siamo contrari al Treno della Memoria", ha spiegato il sindaco di Predappio, Roberto Canali, ma "questi treni vanno solo da una parte e noi non intendiamo collaborare con chi si dimentica di tutto il resto".

GUARDA ANCHE: Chi è Liliana Segre?

A pagare il contributo di 370 euro del viaggio sarà l'associazione Generazioni in Comune.

LEGGI ANCHE: Alessandra Mussolini: "A fine ottobre messa per il Duce a Predappio"

Come si legge sul sito di Forlì Today, i ragazzi predappiesi che avevano aderito al progetto erano due: una quota era stata messa a disposizione da Anpi Forlì-Cesena e l’altra avrebbe dovuto coprirla l’amministrazione.

LEGGI ANCHE: 'Tanti auguri nonno', e Fb oscura profilo nipote Duce

La lista civica di Predappio, Generazioni in comune, scrive sulla sua pagina Facebook: "E' preoccupante che l'Amministrazione comunale di Predappio, città che più delle altre dovrebbe sentire forte il dovere di impegnarsi per tenere viva la memoria, non abbia ritenuto importante dare questo segnale: ci auguriamo che possa ripensarci, altrimenti sarebbe un atto molto grave. Generazioni in Comune non si tira indietro".

Ma all'ipotesi di un ripensamento, il sindaco eletto a maggio con una lista di centrodestra ha replicato: . "È importante che la conoscenza di quanto accaduto in Italia e in Europa nel secolo scorso sia scolpito nella mente di tutti. Solo conoscendo la storia si può evitare di ripetere gli errori e gli orrori del passato. Tutti dovrebbero visitare Auschwitz; e' auspicabile che questo accada per conoscere quanto successo in quei luoghi" - ma, ha proseguito - "quando questi treni si fermeranno per conoscere quanto successo alle foibe o al Muro di Berlino per conoscere la tragedia di 50 anni di comunismo, vorrà dire che si vorrà avere memoria della storia a 360 gradi e allora saremo lieti di collaborare".

Emanuele Fiano, Pd: “Pagherò io il viaggio, mi basta un iban”

"Chiamero' il sindaco di Predappio questa mattina. Se dal colloquio non scaturira' uno sbocco positivo per questa odiosa vicenda, anticipo gia' agli organizzatori del Treno della Memoria che paghero' io stesso il viaggio ad Auschwitz del ragazzo. Basta parole. Quando le Istituzioni non sono in grado di assumersi le responsabilita' che le spettano, allora servono anche i fatti e i comportamenti personali. Mi basta un iban. Quel ragazzo deve partire, la sua visita ad Auschwitz lo vaccinera' dall'odio per tutta ala vita". Cosi' il deputato dem Emanuele Fiano, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

Nicola Zingaretti: “Che pena, è il frutto avvelenato prodotto da questa destra”

Il segretario del Pd in un post su Facebook si è detto orgoglioso della proposta del deputato Fiano

Virginia Raggi: "Senza memoria non c'e' futuro”

Su Twitter la sindaca di Roma ha rivolto un invito agli studenti delle scuole di Predappio