Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    -0,0027 (-0,22%)
     
  • BTC-EUR

    26.632,29
    -857,43 (-3,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,54
    -26,36 (-3,89%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Pregliasco, insulti dopo il vaccino. L'allarme: "Clima pericoloso"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Pregliasco, insulti dopo il vaccino. L'allarme: "Clima pericoloso" (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)
Pregliasco, insulti dopo il vaccino. L'allarme: "Clima pericoloso" (Photo by Alessandro Bremec/NurPhoto via Getty Images)

Tra i primi a ricevere la vaccinazione anti-Covid in qualità di operatore sanitario, Fabrizio Pregliasco è subito diventato bersaglio di insulti e minacce via social. Il virologo dell'Università Statale di Milano, in un’intervista all’Ansa, stigmatizza le posizioni negazioniste che imperversano in questi giorni sul web e ha parlato di un "clima pericoloso".

"Sono stato apostrofato - ha raccontato- come 'incompetente', 'improvvisatore' e addirittura 'servo di un complotto giudaico-massonico che vuole controllare il mondo' o 'a favore di poteri occulti che stanno prendendo il sopravvento'". Gli insulti complottisti, secondo l'esperto, "evidenziano le forti difficoltà di questo momento: in tanti - ha detto - non riescono ancora a capire che il nemico è il virus e non il vaccino".

GUARDA ANCHE L’INTERVISTA - Maria Antonia: “Ho fatto il vaccino”

La cosa più preoccupante, ha avvertito Pregliasco, è che "si sta creando un clima pericoloso che promuove la disaffezione verso le istituzioni e le politiche adottate. Non è facile - rileva - mitigare l'effetto di questa onda negazionista e per questo è ancora più importante che le istituzioni e la scienza unitariamente lancino un messaggio forte a favore della vaccinazione".

Quanto all'ipotesi di prevedere un obbligo vaccinale, "sarebbe una sconfitta ma potrebbe tuttavia rendersi necessario. Ciò perché la ripresa economica parte proprio da una veloce realizzazione della campagna vaccinale con il raggiungimento dell'immunità di gregge. Sarà cioè una sorta di competizione tra le nazioni e chi farà più in fretta e risulterà tra i primi - ha concluso - sarà più avvantaggiato".

GUARDA ANCHE - V-Day, quante dosi abbiamo ricevuto?