Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.907,43
    -72,89 (-0,21%)
     
  • Nasdaq

    12.962,98
    +24,85 (+0,19%)
     
  • Nikkei 225

    28.942,14
    -280,63 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,0086
    -0,0094 (-0,93%)
     
  • BTC-EUR

    23.112,27
    -359,31 (-1,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    556,18
    -1,55 (-0,28%)
     
  • HANG SENG

    19.763,91
    -158,54 (-0,80%)
     
  • S&P 500

    4.277,64
    +3,60 (+0,08%)
     

Premier greco propone meccanismo Ue compensazione imprese per riduzione consumo gas

Bandiere dell'Unione europea davanti la sede della Commissione a Bruxelles

ATENE (Reuters) - Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha proposto un meccanismo a livello europeo per risarcire le imprese che taglieranno il consumo di gas quest'inverno, nell'ambito degli sforzi europei per far fronte alla scarsità delle forniture.

Lo ha annunciato oggi l'ufficio del primo ministro.

I membri della Ue hanno approvato un piano di emergenza, ridimensionato rispetto alla proposta iniziale, per contenere la domanda di gas, dopo aver raggiunto un accordo di compromesso per ridurre i tagli per alcuni Stati, mentre si preparano a ulteriori restrizioni delle forniture da parte della Russia.

I paesi europei stanno cercando di ridurre la propria dipendenza dal gas russo e di costituire riserve dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia a febbraio.

In una lettera inviata ieri alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, Mitsotakis ha proposto un meccanismo a livello europeo che dovrebbe compensare le imprese per la riduzione dei consumi di gas ed elettricità di questo inverno.

Mitsotakis ha detto che il meccanismo dovrebbe coprire le riduzioni della domanda per diversi mesi e non per alcune ore o giorni e combinerà elementi di progettazione del mercato dell'energia e un modo per compensare equamente le imprese.

"Offrendo incentivi finanziari, piuttosto che basarsi sulla penalizzazione delle interruzioni durante un'emergenza, la proposta ha maggiori probabilità di sbloccare una risposta decisa e consistente da parte del settore", ha aggiunto il premier di Atene.

Lo strumento sarebbe finanziato da risorse nazionali ed europee, dimostrando solidarietà e consentendo ai fondi di arrivare a coloro che sono maggiormente in grado di ridurre l'uso di gas, ha scritto Mitsotakis nella proposta.

La Grecia dipende dal gas russo per il 40% del fabbisogno e utilizza due terzi del combustibile per la produzione di energia. Atene ha chiesto di essere esentata dai tagli alla domanda di gas della Ue.

(Tradotto da Romolo Tosiani, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli