Italia markets open in 3 hours 8 minutes
  • Dow Jones

    34.168,09
    -129,61 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.542,12
    +2,82 (+0,02%)
     
  • Nikkei 225

    26.229,06
    -782,27 (-2,90%)
     
  • EUR/USD

    1,1225
    -0,0020 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    32.011,54
    -1.691,80 (-5,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    818,34
    -37,47 (-4,38%)
     
  • HANG SENG

    23.664,80
    -625,10 (-2,57%)
     
  • S&P 500

    4.349,93
    -6,52 (-0,15%)
     

Presi in 48 ore i presunti autori dello stupro sul treno

·1 minuto per la lettura

AGI - Sono servite meno di 48 ore agli investigatori della Polizia di Varese e ai Carabinieri di Saronno per rintracciare e fermare la coppia di uomini (un italiano di circa 20 anni e un marocchino di 30 anni irregolare in Italia) accusati di aver violentato nella tarda serata di venerdì 3 dicembre una studentessa 22enne sul treno 12085 di Trenord, nella tratta Milano-Varese, e di aver cercato pochi minuti dopo di stuprare una seconda giovane di 22 anni nella sala d'attesa della stazione di Venegono Inferiore (Varese).

I due, entrambi con precedenti, sono stati individuati la scorsa notte a seguito di una segnalazione di un vicino che ha chiamato i militari per degli schiamazzi provenienti da un'appartamento privato a Tradate, in provincia di Varese.

Dagli accertamenti in caserma è emerso che i due potessero essere gli autori dei due raid.

Nel primo caso i due aggressori, mentre vagavano sul treno hanno trovato la prima ragazza seduta da sola in un vagone. Indisturbati l'hanno assalita e stuprata. Consumata la prima violenza, i due sono scesi alla stazione di Venegono.

E nonostante la vittima avesse già avvisato il capotreno e dato l'allarme, gli indagati hanno puntato a un'altra vittima nella sala d'attesa della stazione.     

Le urla e la reazione della ragazza hanno però fatto desistere gli aggressori che sono fuggiti.

Nei confronti dei due, riconosciuti dalle testimonianze delle giovani e dai filmati delle telecamere di sicurezza, è scattato nel pomeriggio di domenica il provvedimento di fermo, emesso dalla procuratrice Daniela Borgonovo e dal pm Lorenzo Della Palma, con l'accusa di violenza sessuale di gruppo e rapina per quelli che sono stati definiti “fatti di estrema gravità e allarme sociale”. In serata l'interrogatorio. Entrambi hanno precedenti per altri reati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli