Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.626,84
    +238,97 (+2,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,29
    +1,66 (+0,63%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0672
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5515
    -0,0035 (-0,23%)
     

Pressione fiscale in Italia sale oltre il 42%

Fabrizio Arnhold
·2 minuti per la lettura
Pressione fiscale in Italia sale oltre il 42%
Pressione fiscale in Italia sale oltre il 42%

Aumenta la pressione del Fisco che, secondo gli ultimi dati dell’Istat, ha superato la soglia del 42%, in aumento rispetto all’anno precedente

In Italia si pagano sempre più tasse. La pressione fiscale complessiva, secondo gli ultimi dati dell’Istat, considerando l’ammontare delle imposte dirette, indirette, in conto capitale e dei contributi sociali in rapporto al Pil, è risultata pari al 42,4% nel 2019, in aumento rispetto all’anno precedente.

SEMPRE PIÙ TASSE

L’incidenza sul Pil è pari al 47%. Sempre guardano i dati diffusi dall’Istat, le entrate correnti hanno registrato un crescita del 2,9%, attestandosi al 46,8% del Pil. Nello specifico, le imposte dirette sono aumentate del 3,5%, a causa del maggior peso dell’Irpef, dell’Ires e delle imposte sostitutive. E la storia non cambia di molto anche in riferimento alle imposte indirette che hanno registrato un aumento dell’1,5%, principalmente per effetto della crescita del gettito Iva e dell’imposta sul Lotto e lotterie.

CRESCE DI POCO IL REDDITO

Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici segna un aumento nel 2019, in crescita dell’1,0% in valore e dello 0,5% in termini di potere d’acquisto. La propensione al risparmio delle famiglie è rimasta stabile all’8,1%. Nel complesso, la stima aggiornata dei conti economici nazionali, commenta l’Istat, conferma il significativo rallentamento della crescita dell’economia.

FRENATA DELL’ECONOMIA

Nel 2019, la crescita dell’economia ha registrato una frenata con una tasso di variazione del Pil dello 0,3%, a fronte di un incremento dello 0,9% nel 2018. Il dato sull’indebitamento netto “è in netto miglioramento” rispetto al 2018, precisa l’Istituto nazionale di statistica. Il saldo primario, ossia l’indebitamento netto al netto della presa per interessi, è positivo e pari a 31,736 miliardi di euro, con un’incidenza del Pil dell’1,8% (+1,4% nel 2018).