Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.005,83
    -111,92 (-0,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Previsioni Brent: i Tori Vogliono Osare Dopo la Rottura dei Massimi

·2 minuto per la lettura

I prezzi del Brent hanno raggiunto un importante traguardo, scavalcando il livello psicologicamente imponente di 71 $, grazie anche alla scommessa dei commercianti di energia su un quadro della domanda ancor più rialzista. Da non sottovalutare anche grazie ad un rafforzato aumento dei tassi di vaccinazione e dallo slancio positivo nelle misure di viaggio che lasciano ben sperare alla ripresa dell’economia globale. Resta ancora però molta incertezza, dato le fragili condizioni dei paesi asiatici visto che la pandemia di Covid è ancora in corso.

L’aumento dei prezzi del petrolio, che di conseguenza ha portato in auge le previsioni bullish sul Brent, ha contribuito a stimolare i timori inflazionistici nei mercati, dato che il petrolio è generalmente visto come un indicatore chiave per misurare le pressioni della domanda nell’economia globale. Per quanto riguarda l’argomento, gli operatori terranno d’occhio i dati sull’inflazione negli Stati Uniti, in uscita oggi 10 giugno alle 14.30. Si prevede che l’indice dei prezzi al consumo (IPC) raggiungerà il 4,7% su base annua. È ben al di sopra dell’obiettivo medio della FED del 2%.

Previsioni Brent: attenzione al nuovo accordo nucleare

Si ricorda che da novembre il prezzo del Brent è quasi raddoppiato, spinto dalla ripresa economica globale e dal lancio dei vaccini. L’OPEC+ (oggi alle 13 è calendarizzata la riunione) ha migliorato le prospettive per la domanda globale di energia per la seconda metà dell’anno, preparandosi ad allentare gradualmente i limiti di produzione per soddisfare il crescente fabbisogno di carburante.

Nel frattempo, gli investitori stanno osservando la ripresa dei colloqui sull’accordo nucleare tra l’Iran e le potenze mondiali oggi. Sebbene finora non siano stati fatti grandi progressi nell’accordo, l’attesa del ritorno della fornitura di petrolio iraniano in futuro potrebbe pesare sui prezzi. Forte attesa anche per le elezioni presidenziali dell’Iran, che si terranno il 18 giugno.

Previsioni Brent e analisi Tecno-Grafica

Al momento della scrittura il prezzo del Brent quota a 72,30 $, in pieno movimento rialzista dopo aver lasciato l’area di supply (ora di demand).

Come anticipato, è ben evidente che i tori vogliono osare l’allungo dopo aver rotto i massimi e il prezzo psicologico 71 $. Il prossimo target (obiettivo di medio termine) è sicuramente il livello 77,25 $.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli