Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.625,45
    +657,47 (+1,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Previsioni EUR/USD: di Nuovo in Calo dopo il Superamento di 1,19

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Ancora una giornata poco movimentata, ieri, per il cambio EUR/USD, che ha superato nella tarda serata il livello critico di 1,19 senza però riuscire a mantenere i rialzi.

Stamattina, infatti, alle ore 9:00 in punto, il cambio EUR/USD si trova a 1,8888.

L’indice del dollaro statunitense si mostra invece stabile a quota 92,24 punti.

Previsioni sul cambio EUR/USD

Innanzitutto, occorre evidenziare che per il cambio EUR/USD il supporto più immediato resta confermato intorno al livello di 1,1870. Si tratta di un valore che si è recentemente dimostrato solido, ma che potrebbe essere infranto agevolmente da una ripresa del dollaro statunitense o dei rendimenti dei decennali USA.

Allo stesso modo, potrebbero minacciare l’andamento del cambio EUR/USD le eventuali notizie e stime in merito ai piani di vaccinazione in Europa, la cui lentezza sta pesando sulla fiducia degli operatori economici.

Sul fronte rialzista, il principale livello da raggiungere è quello rappresentato dai massimi del 22 Marzo a 1,1940 circa. Infranta questa soglia di resistenza, il prezzo sarebbe più libero di muoversi verso la soglia successiva (psicologica) di 1,20, sfruttando un discreto gap tecnico.

In generale, però, la perdita del momentum rialzista delle sessioni precedenti dovrebbe limitare i possibili rialzi della moneta unica sotto il livello di 1,1990.

I principali eventi macroeconomici di rilievo

Nella giornata di oggi, i principali market movers (di impatto comunque limitato) per l’euro saranno gli indici dei prezzi all’ingrosso in Germania, la produzione industriale italiana e l’indice ZEW sul sentiment dell’economia tedesca.

Dagli Stati Uniti, giungeranno invece i dati sull’inflazione, in grado di impattare sensibilmente su un dollaro statunitense ancora piatto.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: