Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.718,01
    +2,23 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Previsioni EUR/USD e GBP/USD 2021: Analisi di JPMorgan

Fabio Carbone
·3 minuto per la lettura

Sono molteplici i fattori che stanno mettendo sotto pressione le valute fiat nel 2020. Per tutte la pandemia è stato motivo di grande instabilità e volatilità, ma per alcune si sono aggiunti motivi geopolitici rilevanti come Brexit e le recentissime elezioni USA 2020 che hanno visto prevalere Joe Biden e Kamala Harris come vice.

JPMorgan (JPM), la grande banca finanziaria statunitense ha prodotto due differenti analisi dedicate alle previsioni EUR/USD e GBP/USD.

Secondo JPMorgan l’euro potrebbe salire a 1,20 rispetto al dollaro nel 2021 (coppia EUR/USD), mentre per la coppia GBP/USD JPMorgan vede il prezzo salire oltre l’attuale 1,31 USD di media.

Previsioni EUR/USD secondo JPMorgan

Secondo Adam Margolis, JPMorgan Private Bank, (lo riporta Cnbc) la coppia euro-dollaro è destinata verso quota 1,20 USD nel prossimo anno. Questa la sua previsione per la coppia EUR/USD alla luce della situazione economica attuale e alla luce della crescita di casi di coronavirus in tutta l’Unione Europea.

Si è venuta a creare quindi un vantaggio per l’economia USA nelle esportazioni di beni e servizi verso l’area dell’euro.

Per quanto riguarda la pandemia, l’UE ha superato i 9 milioni di casi positivi accertati, il che la colloca tra gli USA e l’India. In Europa sono decedute 241.709 persone (dati ECDC), contro i 237.574 decessi contabilizzati negli USA (dati CSSE).

Secondo alcune stime diffuse dall’Ansa, nell’Unione Europea si registrano un milione di nuovi positivi ogni 2 o 3 giorni, un dato molto allarmante se si considera che siamo ancora solo in autunno e dobbiamo attraversare tutto l’inverno.

Il Commissario agli Affari economici Paolo Gentiloni la scorsa settimana ha presentato le stime economiche dell’UE per il quarto trimestre, ed ha previsto il rallentamento della ripresa che si era verificato nel terzo trimestre, quando le misure di contenimento in tutta Europa erano state allentate sensibilmente fino quasi a sparire (forse ora se ne stanno pagando le conseguenze?).

Gli Stati Uniti non se la passano certamente bene, ma la politica Trump andrà avanti fino al 20 gennaio 2020, giorno dell’insediamento di Joe Biden, e come sappiamo Trump ha deciso di non applicare restrizioni nazionali con tutte le conseguenze del caso sul piano sanitario (e morale), tuttavia da un punto di vista economico si vedrà se la sua scelta è stata vincente, anche se l’autonomia degli Stati consente ai governatori di intervenire diversamente.

Previsioni GBP/USD secondo JPMorgan

Attualmente troviamo la coppia GBP/USD allo stesso livello di inizio anno, ovvero 1,31 USD circa, dopo uno scivolone a 1,15 USD a marzo nel pieno del panico dei mercati finanziari durante la cosiddetta Fase 1 della pandemia.

Quali le previsioni GBP/USD secondo JPMorgan, cosa accadrà nel 2021 alla coppia di valute?

Ebbene secondo Sam Zief, FX strategy di JPMorgan Private Bank, (come riporta Cnbc) la sterlina crescerà ulteriormente di valore contro il dollaro USA nel 2021, creando un vantaggio competitivo a favore degli USA.

Nel Regno Unito oltre alla pandemia in atto, che colpisce duro con una situazione attuale di semi-lockdown su tutto il territorio britannico ormai, va considerata anche lo stallo con l’UE sugli accordi di uscita dal Trattato.

Non di secondaria importanza l’elezione di Biden alla Casa Bianca. Boris Johnson perde un forte sostenitore della Brexit: Donald Trump. Quest’ultimo in tutti questi anni ha ampiamente sostenuto l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea per trasformare (forse) la terra di sua maestà in territorio di conquista da parte di società del settore assicurativo, in particolare quello sanitario.

Biden tuttavia non potrà non sostenere Johnson nella fase di uscita dall’Unione Europea, perché gli Stati Uniti hanno bisogno di alleati forti per potersi opporre concretamente contro la Cina, e la tecnologia made in UK è sicuramente utile a questo scopo per gli americani.

Ulteriori previsioni EUR/USD e GBP/USD da qui.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: