Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.543,59
    -49,47 (-0,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0677
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5510
    -0,0039 (-0,25%)
     

Previsioni giornaliere fondamentali sul prezzo del petrolio – Urge compliance saudita con l’OPEC + tagli; Un’altra tempesta che si infuria nel Golfo

James Hyerczyk
·4 minuti per la lettura

Venerdì i futures sul petrolio greggio US West Texas Intermediate e sul benchmark internazionale Brent sono aumentati per una quarta sessione, mettendo entrambi i mercati sulla buona strada per un guadagno settimanale di circa il 10%, dopo che l’Arabia Saudita ha spinto gli alleati a rispettare le quote di produzione e banche tra cui Goldman Sachs prevedeva un deficit di offerta.

Alle 08:52 GMT, il petrolio greggio WTI di dicembre viene scambiato a $ 41,48, in calo di $ 0,05 o -0,12% e il petrolio greggio di dicembre Brent è a $ 43,82, invariato.

Entrambi i contratti futures sono impostati per la loro performance settimanale più forte dall’inizio di giugno dopo che l’uragano Sally ha tagliato la produzione statunitense e l’OPEC ei suoi alleati hanno stabilito misure per affrontare la debolezza del mercato.

Produzione del Golfo del Messico inferiore e un’altra produzione di tempesta tropicale

Nel Golfo del Messico, i perforatori e gli esportatori offshore statunitensi hanno iniziato una “bonifica” giovedì dopo che l’uragano Sally si è indebolito fino a diventare una depressione e ha iniziato a riavviare le piattaforme inattive dopo la loro chiusura per cinque giorni.

Nel frattempo, una depressione tropicale nella parte occidentale del Golfo del Messico potrebbe diventare un uragano nei prossimi giorni, minacciando potenzialmente altre strutture statunitensi.

I leader dell’OPEC + sollecitano fortemente la conformità

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e altri produttori dell’OPEC + stanno attualmente tagliando 7,7 milioni di barili al giorno di produzione e il gruppo ha sottolineato in una riunione di giovedì che intraprenderà azioni contro i membri che non rispettano l’accordo. Questa notizia sta portando alcuni trader a ipotizzare che l’OPEC + sospenderà i piani per ridurre il taglio a 5,8 milioni di barili al giorno… quando l’intero gruppo si riunirà di nuovo a dicembre.

Inoltre, il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita ha detto che coloro che scommettono sui prezzi del petrolio sarebbero feriti “come l’inferno”.

Il principe Abdulaziz ha detto al raduno che l’OPEC + potrebbe tenere una riunione straordinaria in ottobre se il mercato del petrolio si fosse inasprito a causa della domanda debole e dell’aumento dei casi di coronavirus, secondo una fonte dell’OPEC +.

“Chiunque pensi di avere una parola da me su ciò che faremo dopo, vive assolutamente in un La La Land… Mi assicurerò che chiunque giochi su questo mercato starà a bocca aperta”, ha detto Price Abdulaziz a un conferenza stampa alla domanda sui prossimi passi dell’OPEC +.

Ha detto che l’OPEC + assumerà una posizione proattiva e preventiva nell’affrontare le sfide del mercato petrolifero.

Le banche di investimento diventano rialziste

Gli speculatori rialzisti potrebbero essere saliti a bordo giovedì, contribuendo a spingere i prezzi ancora più in alto, dopo che Goldman Sachs aveva previsto che il mercato sarebbe stato in deficit di 3 milioni di barili al giorno (bpd) entro il quarto trimestre e ha ribadito il suo obiettivo per il Brent di raggiungere $ 49 entro la fine dell’anno e $ 65 entro il terzo trimestre del 2021.

Nel frattempo, la banca svizzera UBS ha anche sottolineato la possibilità di un’offerta insufficiente nel mercato petrolifero, prevedendo che il Brent salirà a 45 dollari al barile nel quarto trimestre e 55 dollari entro la metà del 2021.

Prospettive a breve termine

In modo spettacolare, i commercianti di petrolio greggio sono passati dalla discussione di fattori ribassisti come i problemi di contenimento dello stoccaggio a celebrare le previsioni che chiedevano carenze di approvvigionamento, in meno di una settimana.

I fattori tecnici potrebbero svolgere un ruolo nell’azione dei prezzi odierna con il WTI a cavallo di un livello chiave di ritracciamento a $ 41,57. Un movimento sostenuto oltre questo livello potrebbe innescare un ulteriore rally nella resistenza a lungo termine a 42,41 $. Un trade sotto i 41,51 $ potrebbe creare lo slancio al ribasso necessario per sfidare i 40,72 $.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: