Italia markets closed

Previsioni giornaliere fondamentali sul prezzo del petrolio – I guadagni si sono ampliati tra i segnali di ripresa della domanda cinese

James Hyerczyk

I futures sul petrolio greggio U.S. West Texas Intermediate e internazionale di riferimento del Brent stanno negoziando in rialzo venerdì, mentre escono da un intervallo di negoziazione di sette giorni.

Il catalizzatore dietro la forza di oggi è un rapporto che mostra che la produzione giornaliera di petrolio greggio della Cina è rimbalzata ad aprile dal minimo di 15 mesi a marzo, mentre le raffinerie hanno avviato le operazioni per soddisfare la rinnovata domanda di carburante dopo che i blocchi imposti per prevenire la diffusione dell’epidemia di coronavirus sono stati ridotti.

Alle 08:40 GMT, il greggio WTI di Luglio negozia $ 28,57, in rialzo di $ 0,69 o +2,47% e il petrolio greggio Brent di Luglio è a $ 32,08, in rialzo di $ 0,95 o +3,05%.

Rimborsi giornalieri della produzione di petrolio greggio della Cina

La Cina ha elaborato un totale di 53,85 milioni di tonnellate di petrolio greggio il mese scorso, secondo i dati del National Bureau of Statistics (NBS) venerdì, equivalenti a circa 13,1 milioni di barili al giorno (bpd). Questo era circa l’11% in più rispetto a 11,78 milioni di barili al giorno a marzo.

L’agenzia ha dichiarato venerdì di aver modificato il database delle imprese industriali che utilizza per aiutare a compilare una serie di numeri di produzione. Su tale base, la produzione di petrolio greggio di venerdì aprile è stata dello 0,8% superiore al livello dell’anno precedente, ha affermato; un calcolo Reuters che utilizza i dati NBS dello scorso anno ha messo il rialzo al 3,4%.

L’ufficio statistico ha anche riferito che la produzione di petrolio della Cina in aprile è salita a 15,87 milioni di tonnellate, con un aumento dello 0,9% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Nel periodo gennaio-aprile, la Cina ha pompato 64,44 milioni di tonnellate di greggio, con un aumento del 2% rispetto all’anno precedente.

Inoltre, le raffinerie sostenute dallo stato hanno aumentato i tassi di lavorazione del greggio a circa il 79% a maggio, secondo le stime della società di consulenza Longzhong Information Group, vicino al livello dell’82% di gennaio prima che fossero imposte ampie restrizioni di movimento per impedire la diffusione del coronavirus.

Gli Stati Uniti acquistano fino a 1 milione di Bbl di petrolio per la riserva di emergenza

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha detto mercoledì che acquisterà fino a 1 milione di barili di greggio dolce per la riserva petrolifera di emergenza del governo, come parte dello sforzo per aiutare i produttori a lottare mentre il coronavirus soffoca la domanda di petrolio, come riportato da Reuters.

L’acquisto di un massimo di 1 milione di barili “servirà da test delle attuali condizioni di greggio fisico disponibile per il SPR rispetto al mercato finanziario che negozia contratti futures WTI NYMEX”, ha detto il dipartimento in un comunicato. Il dipartimento acquisterà il petrolio dai produttori domestici di piccole e medie dimensioni, ha affermato.

Prezzi del petrolio supportati da stime ottimali sulle scorte di greggio statunitensi

Anche i prezzi del petrolio sono sostenuti dopo un calo delle scorte statunitensi e una previsione dell’AIE per le scorte globali inferiori nella seconda metà. Mercoledì scorso, il governo degli Stati Uniti ha riferito che gli inventari grezzi sono diminuiti per la prima volta in 15 settimane. Nel frattempo, l’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) giovedì prevede di nuovo un calo record della domanda nel 2020, sebbene abbia ridotto la sua stima della caduta citando le misure di blocco.

Previsioni giornaliere

I prezzi sono aumentati nelle ultime due settimane poiché alcuni paesi hanno allentato le restrizioni e i lockdown per il coronavirus per consentire la riapertura di fabbriche e negozi. Tuttavia, l’emergere di nuovi casi in Corea del Sud e Cina ha sollevato preoccupazioni per una possibile seconda ondata di infezioni che peserebbe sulla ripresa economica e sulla domanda di carburante.

Il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha messo in guardia mercoledì un “periodo prolungato” di debole crescita economica.

Il recupero della domanda e una produzione inferiore stanno contribuendo a sostenere i prezzi, ma una seconda ondata di casi di coronavirus spingerebbe i prezzi verso il basso. Questo è il motivo per cui prevediamo che l’acquisto sarà un po ‘incerto, nonostante i segnali di una migliore domanda da parte della Cina. Gli operatori devono vedere che l’attenuazione delle restrizioni sta funzionando e che il numero di casi di coronavirus si è stabilizzato.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: