Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.021,45
    -20,14 (-0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    328,35
    -9,15 (-2,71%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1965
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    +0,0076 (+0,85%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0022 (+0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,5531
    +0,0029 (+0,19%)
     

Previsioni giornaliere fondamentali sul prezzo del petrolio – L’OPEC+ non ha altra scelta che posticipare le riduzioni della produzione pianificate

James Hyerczyk
·3 minuto per la lettura

I futures sul petrolio greggio US West Texas Intermediate e sul benchmark internazionale Brent stanno scendendo mentre i trader cercano di consolidare i prezzi dopo un’altra forte svendita della sessione precedente. L’attuale azione sui prezzi indica che i trader che osservano i grafici stanno riconoscendo l’importanza delle zone chiave di ritracciamento dal 50% al 61,8% dell’intero rally da fine aprile a fine agosto.

L’azione dei prezzi di questa settimana significa che la vendita è fuori controllo? No. Tutto quello che possiamo supporre è che i fondamentali sono peggiorati abbastanza dal 26 agosto circa da togliere circa la metà dell’intero rally di aprile.

Da quando è stato raggiunto quel massimo, abbiamo visto i fondi di stimolo statunitensi evaporare mentre gli aiuti fiscali per il coronavirus sono scaduti, la fine della stagione di guida negli Stati Uniti, l’aumento della produzione statunitense, il mancato approvazione della nuova legislazione sugli stimoli fiscali, l’aumento della produzione dalla Libia, il piano dell’OPEC+ per continuare ridurre i suoi tagli alla produzione e una recrudescenza del coronavirus negli Stati Uniti, in Europa e in Russia.

Alle 08:25 GMT, i futures sul petrolio greggio WTI di dicembre vengono scambiati a $ 36,15, in calo di $ 0,02 o -0,06% e il petrolio greggio di dicembre Brent è a $ 37,36, in calo di $ 0,29 o -0,77%.

Le perdite di petrolio aumentano con l’aumentare dell’ansia per i blocchi e le elezioni negli Stati Uniti

Venerdì i prezzi globali del petrolio sono nuovamente sotto pressione, anche se le vendite non sono così negative come all’inizio della settimana, con entrambi i contratti futures fissati per un secondo calo mensile consecutivo. I catalizzatori dietro la vendita sono le crescenti preoccupazioni che l’aumento dei casi di COVID-19 in Europa e negli Stati Uniti possa danneggiare i consumi.

Mercoledì i casi globali di coronavirus sono aumentati di un record di mezzo milione di un giorno, spingendo i governi di tutta Europa a imporre nuovamente restrizioni alla mobilità per frenare la diffusione del virus.

Prospettive a breve termine

I governi di tutto il mondo libero hanno cercato di fermare la diffusione del virus dicendo ai loro cittadini di indossare maschere, praticare l’allontanamento sociale, evitare le aree affollate e testare frequentemente. Mentre queste “richieste” venivano seguite, i commercianti di petrolio iniziarono a scommettere su una costante ripresa della domanda. Ma i piani sono esplosi quando le persone hanno preso in mano la situazione, portando a una recrudescenza della pandemia.

Con casi in rapida ascesa in tutto il mondo e che minacciano la ripresa della domanda globale, gli speculatori rialzisti non hanno avuto altra scelta che liquidare le loro posizioni lunghe. C’è incertezza su quando tornerà la domanda e quando i trader vedono l’incertezza, vendono le loro posizioni e passano alla liquidità o ad altre attività protettive. Alcuni addirittura a corto di mercato.

Quindi il mercato è fuori controllo? No non lo è. La vendita è stata ordinata e ci sono valide ragioni dietro.

Ma poiché sembra che la pandemia peggiori prima di migliorare, nessuno ha davvero il controllo sulla domanda. Quindi l’unica scelta è lavorare sulla fornitura. Ciò potrebbe significare abbassare la produzione negli Stati Uniti, OPEC + che dice alla Libia di alleggerire la produzione, o l’OPEC ei suoi alleati, inclusa la Russia, rinviare i piani per aumentare la loro produzione di 2 milioni di barili al giorno a gennaio. L’Arabia Saudita e la Russia sono favorevoli a mantenere la riduzione della produzione del gruppo di circa 7,7 milioni di barili al giorno attualmente nel prossimo anno. Se iniziano a spingere questa agenda, i prezzi potrebbero stabilizzarsi.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: