Italia Markets close in 1 hr 9 mins

Previsioni giornaliere fondamentali sul prezzo del petrolio – Sostenute dalle preoccupazioni per gli uragani, limitate dalle preoccupazioni per la ripresa della domanda

James Hyerczyk
·3 minuto per la lettura

Martedì i futures sul petrolio greggio U.S. West Texas Intermediate e di riferimento internazionale Brent sono in rialzo mentre le aziende energetiche e i porti lungo la costa del Golfo degli Stati Uniti si rinforzano dopo un altro test mentre l’uragano Zeta, l’undicesimo uragano della stagione, colpisce il Golfo del Messico. I guadagni vengono compensati, tuttavia, dai timori di un aumento dei casi di COVID-19 e dell’aumento delle forniture di greggio.

Alle 09:15 GMT, il petrolio greggio WTI di dicembre viene scambiato a $ 38,70, in rialzo di $ 0,14 o + 0,36% e il petrolio greggio di dicembre Brent è a $ 40,60, in rialzo di $ 0,14 o + 0,35%.

I produttori di energia offshore degli Stati Uniti si preparano all’impatto dell’uragano Zeta

Reuters ha riferito martedì che BP, Chevron ed Equinor hanno evacuato i lavoratori petroliferi e la Royal Dutch Shell ha sospeso le perforazioni mentre i venti si intensificavano a 85 miglia all’ora (136 km / h). L’operatore del gasdotto Enbridge ha evacuato una piattaforma offshore e martedì prevede di rimuovere i lavoratori da un impianto di lavorazione del gas naturale della Louisiana.

Un orologio di uragano è stato emesso per parti della Louisiana fino al confine tra Mississippi e Alabama dal National Hurricane Center (NHC) degli Stati Uniti. Zeta potrebbe colpire la costa degli Stati Uniti mercoledì alla forza di un uragano o quasi, ha detto l’NHC.

I produttori di energia hanno chiuso il 16%, o 293.656 barili al giorno (bpd) di petrolio e il 6% della produzione di gas naturale, o 162,57 milioni di piedi cubi al giorno, secondo i dati del regolatore dell’energia offshore degli Stati Uniti.

Il sentimento rimane attenuato dall’impennata nei casi globali di coronavirus, offerta in aumento

I prezzi erano sostenuti dalle preoccupazioni degli uragani, ma limitati dalle preoccupazioni che un’impennata dei casi globali di coronavirus avrebbe solo un’ammaccatura nella domanda di petrolio greggio in un momento in cui l’offerta è in aumento. Anche lo stallo a Washington sugli aiuti al coronavirus ha pesato sul sentiment del mercato.

Un’ondata di infezioni da coronavirus che si sta diffondendo negli Stati Uniti, in Russia e in Europa è una prima indicazione che la domanda da questo momento in poi farà davvero fatica a crescere.

Nel frattempo, la produzione libica dovrebbe raggiungere 1 milione di barili al giorno (bpd) nelle prossime settimane, ha detto venerdì la compagnia petrolifera nazionale del paese, un ritorno più rapido di quanto molti analisti avevano previsto.

Previsioni giornaliere

Quando si tratta di uragani, i commercianti conoscono il trapano. È probabile che i prezzi si stabilizzino nel breve periodo finché il mercato non saprà dove colpirà l’uragano e quanti danni avrà causato alla produzione. I trader rialzisti vorrebbero vedere un pacchetto di stimoli concordato, ma non ci contano davvero fino a dopo le elezioni.

L’OPEC+ sotto osservazione. Non solo perché l’aumento della produzione in Libia potrebbe complicare gli sforzi da parte loro di limitare la produzione per compensare la debole domanda, ma perché c’è ancora qualche incertezza su come gestiranno un potenziale forte calo della domanda.

Infine, alle 20:30 GMT, l’ American Petroleum Institute (API) pubblicherà il suo rapporto settimanale sugli inventari. Si prevede che le scorte di greggio statunitensi siano aumentate nella settimana fino al 23 ottobre, mentre le scorte di benzina e distillati sono diminuite.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: