Italia Markets open in 7 hrs 15 mins

Previsioni giornaliere fondamentali sul prezzo del petrolio – Prezzi maggiori del previsto per l’estrazione dell’API; Rapporto EIA a pronta

James Hyerczyk
·3 minuto per la lettura

Mercoledì, poco prima dell’apertura della sessione regolare e del rilascio del rapporto settimanale sugli inventari del governo alle 15:30 GMT, i futures sul petrolio greggio U.S. West Texas Intermediate e del benchmark internazionale Brent sono scambiati leggermente meglio mercoledì.

Martedì i prezzi del greggio sono aumentati per la sesta sessione consecutiva, dopo che i dati del settore hanno mostrato un calo delle scorte maggiore del previsto e gli investitori hanno minimizzato l’aumento di nuovi decessi e infezioni nella pandemia e il loro potenziale impatto sulla domanda futura.

Alle 10:46 GMT, i futures sul petrolio greggio WTI di marzo vengono scambiati a $ 53,38, in rialzo di $ 0,14 o + 0,26% e il petrolio greggio di marzo Brent è a $ 56,68, in rialzo di $ 0,10 o + 0,18%. Entrambi i contratti sono fuori dai massimi e nella posizione di formare un’inversione tecnica potenzialmente ribassista.

L’aumento dei casi di coronavirus sta conquistando i titoli dei giornali, ma potrebbe non avere un effetto così grande sui prezzi del petrolio greggio. I prezzi potrebbero non essere in calo nelle notizie, ma non possiamo determinare che non stia limitando i guadagni.

Sappiamo che i prezzi sono più alti rispetto a quando l’impatto del COVID-19 ha iniziato a colpire l’economia statunitense lo scorso marzo, sebbene la domanda sia ancora ben al di sotto dei livelli in quel momento. La divergenza suggerisce che gli acquirenti stanno scommettendo pesantemente sul fatto che il virus alla fine sarà contenuto e i vaccini funzioneranno.

Rapporto settimanale sulle scorte dell’American Petroleum Institute

L’American Petroleum Institute (API) ha riportato martedì alla fine di un pareggio nelle scorte di petrolio greggio di 5,821 milioni di barili per la settimana terminata l’8 gennaio. Gli analisti si aspettano un prelievo di inventario di 2,266 milioni di barili per la settimana.

L’API ha anche riportato un accumulo di scorte di benzina di 1,876 milioni di barili per la settimana terminata l’8 gennaio, rispetto ai 5,473 milioni di barili della settimana precedente. Gli analisti si aspettavano una build di 2,695 milioni di barili per la settimana.

Le scorte di distillati hanno anche visto un altro grande aumento di 4,433 milioni di barili per la settimana, rispetto all’aumento di 7,136 milioni di barili della scorsa settimana, mentre le scorte di Cushing sono diminuite questa settimana di 232.000 barili.

Previsioni giornaliere

I prezzi sono ancora sostenuti dall’offerta dell’Arabia Saudita la scorsa settimana di tagliare da solo e volontariamente un altro milione di barili al giorno dalla sua produzione di petrolio a febbraio e marzo.

A mio parere, gli acquirenti stanno reagendo a questa notizia come se non ci fosse un reale rischio di ribasso perché credono che l’OPEC+ apporterà aggiustamenti alla produzione per soddisfare eventuali cambiamenti significativi della domanda, se necessario.

I trader avranno l’opportunità di reagire al rapporto settimanale sugli inventari dell’Energy Information Administration (EIA) alle 15:30 GMT. Si prevede un prelievo di 2,7 milioni di barili.

La produzione di petrolio statunitense è rimasta stabile a 11,0 milioni di barili al giorno per la quarta settimana consecutiva, secondo gli ultimi dati forniti dall’Energy Information Administration. Si tratta ancora di milioni di barili al di sotto del massimo di 13,1 milioni di barili raggiunto nel marzo 2020.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: