Italia markets open in 1 hour 22 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.331,94
    -86,57 (-0,37%)
     
  • EUR/USD

    1,1761
    +0,0011 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    11.288,67
    +17,96 (+0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    262,75
    -9,94 (-3,65%)
     
  • HANG SENG

    24.655,58
    -53,22 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Previsioni giornaliere fondamentali sul prezzo del petrolio – Dollaro più debole, domanda di prezzi alla base del rischio

James Hyerczyk
·3 minuti per la lettura

I futures sul petrolio greggio US West Texas Intermediate e sul benchmark internazionale Brent sono in rialzo lunedì dopo essersi ripresi dalla precedente debolezza. Nonostante il rally di rimbalzo, il mercato sta semplicemente testando la fascia superiore del suo intervallo di negoziazione di due settimane.

Aiutare a limitare i guadagni stanno aumentando le preoccupazioni della domanda poiché l’aumento dei casi di coronavirus ha sconvolto le speranze di una ripresa regolare della domanda di carburante, con i principali benchmark del greggio sulla buona strada per i loro primi cali mensili in più mesi dopo il sell-off della scorsa settimana.

A sostenere i prezzi è il dollaro USA più debole. Un biglietto verde debole tende a far salire la domanda estera di petrolio greggio denominato in dollari.

Alle 10:44 GMT, il greggio WTI di dicembre viene scambiato a $ 40,77, in rialzo di $ 0,26 o + 0,64%.Il petrolio greggio Brent di dicembre è a $ 42,67, in rialzo di $ 0,26 o + 0,61%.

Il Brent è sulla buona strada per scendere per il primo mese su sei, mentre il WTI è diretto verso la sua prima perdita mensile da aprile poiché la reimposizione dei freni alla mobilità in alcuni paesi offusca le prospettive sulla ripresa della domanda di carburante.

Altre Notizie

Più greggio viene esportato anche dai produttori OPEC Iran e Libia, nonostante gli sforzi dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei loro alleati per limitare la produzione. I trader stanno ancora discutendo sull’influenza che queste mosse avranno sui prezzi, ma nel complesso, aumentare l’offerta mentre la domanda si sta sgretolando non può essere rialzista.

Venerdì, Baker Hughes ha riferito che le aziende energetiche statunitensi hanno aggiunto impianti di perforazione di petrolio e gas naturale per la seconda settimana consecutiva. Anche in questo caso i tempi devono essere messi in discussione a causa di problemi di domanda, ma potrebbero vedere l’aumento dei casi di COVID-19 come temporaneo.

Ci sono state alcune notizie potenzialmente rialziste durante il fine settimana. Il segretario generale dell’OPEC Mohammad Barkindo ha dichiarato domenica che le scorte di petrolio commerciale nei paesi QECD dovrebbero essere solo leggermente al di sopra della media quinquennale nel primo trimestre del 2021, prima di scendere al di sotto di quel livello per il resto dell’anno.

Un altro sviluppo potenzialmente rialzista è la possibilità di uno sciopero. Ciò influenzerebbe l’offerta.

In Norvegia, uno dei maggiori produttori di petrolio al di fuori dell’OPEC, uno sciopero dei lavoratori che potrebbe aver luogo il 30 settembre minaccia di ridurre la sua produzione di 900.000 barili al giorno, ha detto venerdì la Norwegian Oil and Gas Association (NOG).

Infine, venerdì la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti ha dichiarato che i gestori di fondi hanno aumentato le loro posizioni nette lunghe in futures e opzioni sul greggio statunitense nella settimana fino al 22 settembre.

“La maggior parte degli acquisti che si sono verificati durante la settimana è stata guidata dalla copertura dello scoperto, con la posizione corta lorda in calo di poco più di 20.000 lotti”, hanno affermato gli analisti di ING. Gli investitori potrebbero aver ascoltato l’avvertimento del ministro del petrolio saudita di non mettere in corto il mercato del petrolio, hanno detto.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: