Italia markets open in 2 hours 53 minutes
  • Dow Jones

    34.869,37
    +71,37 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    14.969,97
    -77,73 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    30.139,24
    -100,82 (-0,33%)
     
  • EUR/USD

    1,1696
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    36.475,28
    -1.472,72 (-3,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.055,99
    -45,53 (-4,13%)
     
  • HANG SENG

    24.565,26
    +356,48 (+1,47%)
     
  • S&P 500

    4.443,11
    -12,37 (-0,28%)
     

Previsioni Prezzo Petrolio e Gas Naturale: Ancora Forti Stimoli Rialzisti

·3 minuto per la lettura

La nuova settimana dei mercati si apre con il petrolio greggio ancora rialzista oltre i 70 dollari al barile e con il gas naturale che punta nuovamente la raggiungimento dei 5 dollari.

Nelle ultime sessioni di scambio, il greggio texano Wti è stato messo sotto pressione dal rialzo del dollaro statunitense, indietreggiando verso i 69 dollari. Invece, il gas naturale ha subito una serie di svendite assolutamente prevedibili che hanno fatto scivolare il prezzo dopo il raggiungimento del target.

In entrambi i casi, stamattina le due commodities si mostrano nuovamente rialziste. Precisamente, alle ore 8:20 di oggi il petrolio greggio Wti è scambiato a 70,35 dollari al barile, mentre il gas naturale segna i 4,942 dollari.

Previsioni settimanali sul prezzo del petrolio greggio e del gas naturale

Il prezzo del petrolio greggio si troverà questa settimana ad affrontare la sfida del consolidamento sopra i 70 dollari.

Sebbene nel corso delle prossime sessioni possano emergere nuovi stimoli operativi, per il momento si ritiene che il principale livello a cui prestare attenzione sia proprio la soglia attuale di 70 dollari.

Se il prezzo del petrolio greggio dovesse continuare a mantenersi sopra questo valore per l’intera sessione di scambi odierna, avvicinandosi contestualmente al livello di 70,5 dollari, allora si potrebbe assistere a un consolidamento del greggio texano sopra il supporto dei 70 dollari.

Nuovi rialzi potrebbero guidare la commodity verso la soglia dei 72 dollari, nuovo massimo relativo, anche già nel corso della settimana.

Di contro, un nuovo allontanamento al ribasso dai 70 dollari indicherebbe un rafforzamento della pressione ribassista che potrebbe spingere il prezzo nuovamente intorno ai 67/67,5 dollari al barile.

Fino a quest’area, il prezzo del petrolio greggio continuerà comunque a mantenersi rialzista, mentre cali ulteriori potrebbero indicare un’inversione di tendenza, causata ad esempio da un nuovo rafforzamento del dollaro USA.

Con riferimento, invece, al prezzo del gas naturale, la soglia di resistenza principale resta quella sopra citata dei 5 dollari, preceduta da un livello di resistenza intermedio di 4,98 che potrebbe essere raggiunto già a breve.

L’area dei 5 dollari ha attirato molta attenzione e volatilità negli scorsi giorni, dunque non si esclude l’ipotesi di una nuova svendita intorno a questa resistenza.

Se però la spinta rialzista dovesse reggere il test, allora il gas naturale potrebbe riuscire questa volta a mantenersi sopra il livello di 5 dollari per un nuovo consolidamento e un nuovo tentativo di raggiungimento della resistenza successiva di 5,2 dollari.

Al ribasso, il supporto principale è rappresentato al momento dai 4,8 dollari.

Il calendario economico della settimana

Oggi, lunedì 13 Settembre 2021, la giornata si rivela molto povera di dati economici, dopo la variazione dei prezzi wholesale tedeschi che si sono mostrati in calo.

Domani attenzione invece alla produzione industriale giapponese e ai dati sull’occupazione nel Regno Unito, a cui farà seguito nel pomeriggio italiano l’aggiornamento sul tasso d’inflazione negli Stati Uniti.

Mercoledì si conoscerà il tasso di disoccupazione in Cina, oltre alle vendite al dettaglio annuali e alla produzione industriale, mentre dal Regno Unito giungerà il tasso d’inflazione aggiornato.

Dall’Europa, oltre all’inflazione in Italia e Francia, si conoscerà la produzione industriale a livello dell’Eurozona. Lo stesso aggiornamento giungerà anche dagli Stati Uniti, insieme alle scorte di petrolio greggio secondo l’EIA statunitense.

Giovedì è il turno della bilancia commerciale giapponese, italiana e a livello dell’Eurozona e dei sussidi di disoccupazione negli USA.

Dagli USA giungeranno anche i dati sulle vendite al dettaglio.

Infine, venerdì la settimana volge al termine con le vendite al dettaglio nel Regno Unito e il tasso d’inflazione nell’Eurozona.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli