Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.384,24
    -1.265,39 (-6,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8622
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0003
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Previsioni Prezzo Petrolio e Gas Naturale: Le Commodities Restano sui Massimi

Il petrolio greggio WTI si mantiene solido questa settimana, sopra la resistenza (ora supporto) di 120 dollari al barile, e verso il primo livello intermedio di 123 dollari. Anche il gas naturale viene scambiato stabile intorno ai valori della chiusura di ieri, sopra i 9,2 dollari.

Per entrambe le commodities, il trend rialzista in corso pare destinato a durare e sorprende soprattutto il tentativo di consolidamento del gas naturale in un’area di ipercomprato che, in passato, aveva immediatamente causato un’impennata della volatilità.

Precisamente, oggi al momento della scrittura il prezzo del petrolio greggio WTI è in lieve rialzo a 121,5 dollari al barile, mentre il gas naturale passa di mano a 9,2875 dollari.

Previsioni sul prezzo del petrolio greggio

Il petrolio greggio WTI rimane dunque stabile sopra i 120 dollari e potrebbe proseguire su questo trend attuale, per raggiungere i livelli intermedi di 123 e 125 dollari al barile.

Precisamente, il superamento della resistenza principale di 125 dollari al barile potrebbe riportare il petrolio greggio WTI vicino ai massimi relativi di 130 dollari al barile, ma la forte pressione ribassista potrebbe causare un rapido rimbalzo.

Lo scenario ribassista prenderebbe infatti le mosse da un calo sotto i 120 dollari, che potrebbe aprire la strada a un nuovo ritracciamento fino ai supporti intermedi di 115 e 110 dollari al barile.

Per un’inversione di tendenza vera e propria occorrerebbe un calo sotto il livello tecnico di 100 dollari, ma appare evidente che nel contesto attuale un ribasso così ampio sia inverosimile nel breve/medio termine.

Previsioni sul prezzo del gas naturale

Il prezzo del gas naturale rimane sopra i 9,2 dollari e potrebbe tentare di proseguire il suo consolidamento in queste ore. Il superamento della resistenza di 9 dollari ha riportato, pochi giorni fa, il prezzo del gas naturale in un’area di stretto “ipercomprato”, da cui si riteneva potesse scaturire un’elevata volatilità.

Nonostante ciò, il gas naturale sta riuscendo a consolidarsi intorno ai 9,2 dollari. In questo scenario, il supporto a 9 dollari potrebbe mantenersi solido e permettere al gas naturale di proseguire verso i target successivi di 9,3 dollari e 9,5 dollari. Da qui, il target successivo è quello di 10 dollari, un livello psicologico assolutamente imponente.

Lo scenario ribassista potrebbe invece partire da un calo oltre il supporto di 9 dollari, che potrebbe riportare il prezzo del gas naturale verso i target intermedi di 8,5 dollari e 8 dollari.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli