Italia markets close in 23 minutes
  • FTSE MIB

    26.890,40
    +84,21 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    35.707,12
    +216,43 (+0,61%)
     
  • Nasdaq

    15.391,16
    +155,32 (+1,02%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    82,48
    -0,18 (-0,22%)
     
  • BTC-EUR

    52.631,74
    +1.554,85 (+3,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,87
    +62,49 (+4,40%)
     
  • Oro

    1.800,50
    +1,70 (+0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1685
    +0,0079 (+0,68%)
     
  • S&P 500

    4.589,20
    +37,52 (+0,82%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.226,90
    +6,02 (+0,14%)
     
  • EUR/GBP

    0,8463
    +0,0022 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0666
    +0,0018 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,4415
    +0,0074 (+0,52%)
     

Previsioni Prezzo Petrolio Greggio e Gas Naturale: Forti Rialzi in Apertura Settimanale

·3 minuto per la lettura

Il prezzo del petrolio greggio e del gas naturale ha ripreso leggermente quota nel corso delle ultime due sessioni di scambi della scorsa settimana, con il greggio Wti che ha superato nuovamente i 74 dollari e il gas naturale sopra i 5,1 dollari.

La creazione dei nuovi canali rialzisti ha permesso ad entrambe le commodities di riavvicinarsi ai principali livelli di resistenza di breve periodo, che potrebbero essere testati questa settimana.

Stamattina, alle ore 7:15, il petrolio greggio si trova a 74,95 dollari al barile, mentre il gas naturale segna i 5,297 dollari, entrambi in netto rialzo già in apertura.

Previsioni settimanali sul prezzo del petrolio greggio e del gas naturale

Iniziando con il petrolio greggio texano WTI, con tutta probabilità dopo il superamento dei 74 dollari il prezzo dovrebbe continuare a puntare verso la resistenza a 75 dollari al barile, ovvero al livello attuale.

Valori intermedi da monitorare sono quelli di 74,5 e 74,8 dollari al barile, ma se la spinta dovesse mantenersi intatta difficilmente la corsa rialzista del greggio verrà fermata.

Al ribasso, invece, potrebbe rappresentare l’inizio di un’inversione di tendenza un calo, questa settimana, intorno ai 70 dollari al barile. Possibili ritracciamenti sotto i 74 dollari non dovrebbero invece impensierire i traders rialzisti, dal momento che il supporto a 72 dollari resta relativamente solido.

Per quanto concerne invece il gas naturale, il livello di 5 dollari rappresenta il principale supporto per questa settimana, dopo il recupero causato in parte dai timori per le scorte invernali.

In caso di rottura di questa prima area di prezzo, potrà garantire supporto addizionale il livello di 4,8 dollari, il cui raggiungimento rappresenterebbe però già l’inizio di una possibile inversione di tendenza.

Al rialzo, invece, il principale livello da raggiungere sarà quello di 5,3 e poi 5,4 dollari, resistenze non particolarmente invalicabili. La ripresa del target di 5,5 dollari, che secondo alcuni analisti rappresenta un livello di ipercomprato, appare invece meno verosimile nel brevissimo termine, in assenza di importanti market movers provenienti dal mercato.

Il Calendario Economico della Settimana

La nuova settimana dei mercati si apre quest’oggi con pochi dati di rilievo, quali il discorso del Presidente della Bank of Japan, Kuroda, e quelli di Evans, Williams e Brainard della Federal Reserve.

Sul fronte dei dati macro, attenzione principalmente agli ordini di beni durevoli negli USA a livello mensile, attesi in rialzo rispetto all’ultimo update.

Domani, invece, si conosceranno i dati sulla fiducia dei consumatori in Francia e in Germania (in quest’ultimo caso tramite l’indice GfK), a cui seguiranno gli inventari di petrolio greggio statunitense secondo l’API.

Mercoledì si prosegue con il sentiment economico dell’Eurozona, insieme alla fiducia dei consumatori, e con i dati sulle scorte di petrolio greggio e di benzina secondo l’EIA statunitense.

Giovedì 30 Settembre 2021, la giornata inizia nella sessione asiatica con le vendite al dettaglio e la produzione industriale giapponese e con il PMI non manifatturiero in Cina, a cui faranno seguito in mattinata gli aggiornamenti sul PIL nel Regno Unito e sull’inflazione in Francia.

Dalla Germania e dall’Italia, invece, giungerà il tasso di disoccupazione aggiornato, che si conoscerà in mattinata anche a livello europeo (atteso stabile rispetto all’ultimo aggiornamento).

Dagli USA, si attendono i dati sulle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione.

Venerdì, la settimana volge al termine con il tasso di disoccupazione e la fiducia dei consumatori in Giappone, oltre alle vendite al dettaglio in Germania e ad alcuni dati PMI Markit manifatturieri nell’Eurozona e negli Stati Uniti.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli