Italia markets close in 50 minutes
  • FTSE MIB

    24.697,97
    -46,41 (-0,19%)
     
  • Dow Jones

    34.094,08
    -106,59 (-0,31%)
     
  • Nasdaq

    13.944,23
    -108,12 (-0,77%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • Petrolio

    63,28
    +0,15 (+0,24%)
     
  • BTC-EUR

    46.216,40
    +71,11 (+0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.252,18
    -46,77 (-3,60%)
     
  • Oro

    1.772,10
    -8,10 (-0,46%)
     
  • EUR/USD

    1,2034
    +0,0053 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    4.171,43
    -14,04 (-0,34%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.026,81
    -6,18 (-0,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8606
    -0,0050 (-0,57%)
     
  • EUR/CHF

    1,1006
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,5049
    +0,0064 (+0,43%)
     

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale: Il Greggio torna a Contrarsi, Wti vicino ai 60$

Alberto Ferrante
·4 minuto per la lettura

Oro, petrolio e gas naturale hanno vissuto una prima seduta settimanale poco mossa, seppur non totalmente priva di spunti, soprattutto per il gas naturale.

Nel complesso, gli investitori appaiono ancora dubbiosi in merito all’andamento di breve termine delle commodities, che la settimana scorsa sono state schiacciate dagli elevati rendimenti dei decennali statunitensi e dal correlato rafforzamento del dollaro.

Previsioni sul prezzo dell’Oro

Ancora una giornata caratterizzata da forte debolezza, ieri, per il metallo prezioso, che si è spinto verso il supporto a 1732 dollari l’oncia, coincidente con la media mobile a 10 giorni.

La resistenza fondamentale resta a quota 1750 dollari l’oncia, ma il vero target da superare per innescare un movimento rialzista è quello di 1793 dollari, che rappresenta a sua volta la media a 50 giorni.

Quella di ieri è stata la quinta seduta consecutiva di consolidamento per l’oro, che non è riuscito a risollevarsi nemmeno in seguito alla contrazione dei rendimenti statunitensi decennali.

Stamattina, alle ore 7:00, l’oro si trova a 1737,8 dollari l’oncia.

Previsioni sul prezzo del petrolio e del gas naturale

Il petrolio greggio ha trovato supporto nella serata di ieri e si è spostato in leggerissimo rialzo per raggiungere i 61,4 dollari (Wti) e i 64,5 dollari (Brent), ma stamattina il greggio sta tornando a contrarsi.

Alle ore 7:00, infatti, il Wti è scambiato a 60,8 dollari e il Brent a 63,8 dollari al barile.

Se il petrolio dovesse invertire la tendenza attuale per cercare una nuova ripresa (che non venga interrotta da un nuovo rialzo inatteso del dollaro e dei rendimenti USA) allora sia il Wti che il Brent potrebbero guardare ai target di 65 dollari e 70 dollari rispettivamente.

Per il Wti, però, come accaduto anche in passato, prima di questo livello sarà necessario superare quantomeno le tre resistenze principali a 62,3$, 63$ e 64,16$.

Se la tendenza ribassista dovesse continuare, il rischio per il greggio texano è quello di una chiusura giornaliera sotto quota 60 dollari al barile.

Infine, il gas naturale è stato trainato dalla solida domanda di GNL per tentare un rialzo verso la resistenza di 2,6 dollari, nonostante le previsioni meteo indichino un clima meno rigido nelle prossime due settimane.

Se anche quest’oggi il gas dovesse continuare la sua corsa rialzista, il prezzo da superare sarebbe rappresentato in primo luogo dalla soglia di resistenza a 2,58. Successivamente, il gas potrebbe mirare verso la media a 50 giorni a 2,73 dollari.

Il supporto più coriaceo è quello a quota 2,42 dollari, vicino ai minimi di questo mese.

Il Calendario Economico della Settimana

Ieri il FTSE MIB di Piazza Affari ha chiuso in lieve rialzo del +0,26% dopo una chiusura settimanale che aveva particolarmente indebolito i principali indici europei.

Il DAX30 di Francoforte (+0,25%) e il CAC40 (-0,49%) hanno vissuto una sessione molto volatile, ma l’andamento peggiore è stato quello dell’Ibex-35 di Madrid, in calo del -1,76%. a 8343 punti.

Pochi dati economici di rilievo, quest’oggi, ad eccezione dell’indice dei salari e i dati sulla disoccupazione in Regno Unito, insieme a quelli sulle richieste di sussidi.

Domani, invece, è il turno dell’indice dei direttori agli acquisti in Francia e in Germania e del PMI manifatturiero e composito dei servizi in Unione Europea.

Nella stessa giornata sarà il turno delle scorte di petrolio greggio statunitensi, oltre alla produzione di benzina e distillati.

Nella giornata di giovedì si continua con il rapporto mensile della BCE e il relativo discorso della Presidente Christine Lagarde. Nella stessa giornata, sempre in mattinata, si terrà anche il discorso del Governatore Bailey della Bank of England. A seguire, si attendono i dati sul PIL trimestrale e sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti.

La settimana volge al termine nella giornata di venerdì 26 Marzo 2021 con le vendite al dettaglio nel Regno Unito su base mensile e annuale a Febbraio 2021, oltre al PIL spagnolo e alle aspettative di business in Germania.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: