Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.607,82
    +219,95 (+1,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0672
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5515
    -0,0035 (-0,23%)
     

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale: Greggio ancora Sopra i 40 Dollari, oggi le Scorte EIA

Alberto Ferrante
·3 minuti per la lettura

L’oro è tornato a scendere nella giornata di ieri, portandosi ancora sotto i 1900 dollari dopo un discreto allungo nell’inizio della settimana. In lieve rialzo invece petrolio greggio Wti e Brent, mentre il prezzo del gas naturale si è lievemente contratto, intorno ai 2,5 dollari in serata.

Previsioni sul prezzo dell’Oro

Il prezzo dell’oro è stato influenzato ieri dalle prospettive della BCE, che ha ribadito di essere pronta a iniettare ulteriore liquidità nel mercato per sostenere i Paesi membri. Ciò ovviamente impatterà sulla moneta unica e sul cambio euro-dollaro, anche a vantaggio dell’oro.

Secondo l’analisi tecnica, la resistenza al momento è da individuare a quota 1943 dollari l’oncia, mentre una discreta fascia di supporto dovrebbe essere garantita dalla banda compresa tra i 1880 e i 1890 dollari.

Previsioni sul prezzo del petrolio e del gas naturale

Continuano a crescere lentamente i prezzi del petrolio greggio Wti e Brent, che hanno definitivamente superato il livello dei 40 dollari al barile, trovandosi però nuovamente ad affrontare una linea di resistenza tecnica.

Attualmente, le misure di stimolo da parte dell’OPEC+ non hanno permesso ai prezzi di decollare e non si nota all’orizzonte alcun segnale di miglioramento sostanziale sopra i 43/45 dollari al barile.

Tuttavia, se i dati odierni sulle scorte di greggio statunitensi dovessero rivelarsi nuovamente incoraggianti, il prezzo potrebbe continuare a crescere.

Anche per il Brent valgono le stesse riflessioni: il prezzo sta continuando a crescere a ritmo ancora più elevato, ma la soglia dei 45 dollari rappresenta l’EMA a 200 giorni e dunque è difficile attendersi un rialzo superiore a questo valore senza importanti stimoli esogeni.

Infine, il gas naturale si è contratto dopo aver raggiunto valori prossimi ai 2,7 dollari. Dato il periodo dell’anno, si continua a ritenere che il prezzo possa tentare ulteriori allunghi anche oltre i 2,7 dollari, mentre la tempesta tropicale nel Golfo del Messico rappresenta ancora un’incognita.

Il Calendario Economico della settimana

La nuova settimana dei mercati continua oggi con la bilancia commerciale cinese e la produzione industriale tedesca e spagnola, a cui seguiranno anche i dati sulle vendite al dettaglio italiane.

Come sempre, l’EIA statunitense fornirà anche i dati settimanali aggiornati sulle scorte di petrolio greggio, sulle importazioni di greggio e sulla produzione di carburante distillato e di benzina. Inoltre, giungeranno sempre dagli Stati Uniti le decisioni del FOMC, il comitato Federal Open  Market della Fed.

Domani si conoscerà invece il PIL del Giappone, insieme a diversi dati tedeschi in arrivo nella prima mattinata, come le esportazioni, l’indice dei direttori degli acquisti del settore delle importazioni e il conto corrente non destagionalizzato.

Si attendono poi le eventuali dichiarazioni sulla politica monetaria da parte della BCE, mentre dagli USA giungeranno gli aggiornamenti settimanali sulle scorte di gas naturale e sule richieste di sussidi di disoccupazione, con i contagi da Coronavirus che non accennano a diminuire.

Infine, la settimana si chiuderà venerdì con diversi market movers provenienti dal Giappone, come i salari medi mensili e i consumi delle famiglie, il conto corrente destagionalizzato e il PIL trimestrale.

Dati sul PIL saranno forniti anche dal  Regno Unito, insieme alla produzione industriale e manifatturiera e al saldo della bilancia commerciale.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: