Italia Markets open in 7 hrs 31 mins

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale: l’Oro si riavvicina ai 1900 Dollari, Greggio Debole

Alberto Ferrante
·3 minuto per la lettura

La settimana si è aperta ieri in deciso aumento per l’oro, nuovamente vicino ai 1900 dollari l’oncia. Anche il greggio si è portato in discreto rialzo rispetto ai valori preoccupanti della settimana scorsa, nonostante l’apertura sotto i 35 dollari, mentre il gas naturale si sta iniziando ad allontanare dai 3,3 dollari.

Previsioni sul prezzo dell’Oro

Il prezzo dell’oro, dopo diverse giornate vicino ai 1850 dollari, si è nuovamente rialzato nella seduta di ieri sfiorando i 1895 dollari l’oncia e avvicinandosi alla soglia dei 1900 dollari, che rappresentano ora una linea di resistenza particolarmente delicata.

La linea di supporto resta invece intorno ai minimi di Settembre, a 1848 dollari. Nel brevissimo termine è comunque probabile che l’oro continui la sua crescita o che resti fermo intorno al nuovo livello di prezzo, poco sotto i 1900 dollari.

Previsioni sul prezzo del Petrolio e del Gas Naturale

Dopo alcune sedute molto volatili, il petrolio sta finalmente riprendendo quota, con il greggio Wti intorno ai 37 dollari e il Brent nuovamente vicino ai 39 dollari al barile.

Al momento, l’andamento resta comunque molto volatile e la tendenza, soprattutto per il Brent, è quella di un netto ribasso, probabilmente anche fin sotto i 35 dollari al barile.

Il gas naturale invece si è contratto fino ai 3,23 dollari, ma in questo caso la previsione resta quella di un rialzo sostanziale nel medio periodo, grazie anche alle previsioni dell’EIA sulla crescita della domanda nella stagione invernale.

Il Calendario Economico della Settimana

Nella seduta di ieri, il FTSE MIB di Piazza Affari ha recuperato parte delle perdite precedenti grazie a un rialzo del +2,55%. La stessa tendenza si è riscontrata anche per il DAX30 di Francoforte (+2%), l’Ibex-35 di Madrid (+2,07%) e il CAC40 di Parigi (+2,11).

La settimana continua oggi con la riunione dell’Eurogruppo per discutere sulle misure atte a supportare le economie durante la seconda ondata di contagi da Coronavirus e il discorso di Mauderer della Bundesbank.

È inoltre il giorno delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, su cui sarà rivolta grande attenzione per monitorare anche l’andamento di diversi assets.

A tal proposito, dagli USA giungeranno anche i dati sugli ordinativi alle fabbriche e sulle scorte settimanali di petrolio.

Domani sarà invece il turno delle dichiarazioni sulla politica monetaria della Bank of Japan, a cui faranno seguito le aste dei JGB giapponesi a 10 anni.

In Unione Europea, si attende invece il report sulle previsioni economiche, che coinvolgeranno probabilmente anche il primo trimestre del 2021, e l’indice composito dei servizi e dei prezzi alla produzione.

Dagli USA, massima attenzione al saldo della bilancia commerciale e, come ogni settimana, ai dati aggiornati sulle scorte di petrolio greggio e alla produzione di distillati e benzina.

Giovedì si continua con gli ordini alle fabbriche tedesche aggiornati a Settembre e probabilmente in contrazione, gli investimenti industriali francesi e le vendite al dettaglio dell’Unione Europea.

Occhi puntati anche sulla Bank of England, e di conseguenza sull’andamento della sterlina, che dovrà decidere se modificare o lasciati invariati i tassi di interesse.

Anche dagli USA giungeranno le decisioni sui tassi di interesse dei fondi FED, insieme ala conferenza stampa del FOMC e agli ultimi aggiornamenti sulle richieste di sussidi di disoccupazione.

Infine, la settimana volgerà al termine venerdì con i dati giapponesi sui consumi delle famiglie e gli investimenti esteri in titoli azionari, insieme alla produzione industriale tedesca e il tasso di disoccupazione statunitense.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: