Italia markets close in 2 hours 49 minutes
  • FTSE MIB

    22.438,36
    +57,01 (+0,25%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.242,21
    -276,97 (-0,97%)
     
  • Petrolio

    52,23
    -0,13 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    30.623,59
    +740,08 (+2,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    716,06
    -19,08 (-2,60%)
     
  • Oro

    1.832,90
    +3,00 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,2073
    -0,0012 (-0,10%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.862,77
    +288,91 (+1,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.594,76
    -4,79 (-0,13%)
     
  • EUR/GBP

    0,8906
    +0,0019 (+0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0754
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5412
    +0,0039 (+0,26%)
     

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale: l’Oro Sprofonda Sotto i 1850 Dollari

Alberto Ferrante
·3 minuto per la lettura

La scorsa settimana ha visto crollare nuovamente il prezzo dell’oro, che si è portato in calo ben sotto i 1900 dollari e che potrebbe tentare di sfondare il supporto anche sotto i 1800 dollari.

Il prezzo del petrolio, invece, si è mantenuto alto grazie alla decisione dell’Arabia Saudita di decurtare ulteriormente la sua produzione di greggio, compensando l’aumento annunciato da Russia e Kazakistan.

Infine, il gas naturale resta stabile a quota 2,6 dollari e continua ancora a rappresentare la risorsa più stagnante delle tre.

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale

Avendo raggiunto i 1850 dollari, il prezzo dell’oro potrebbe restare sotto pressione anche nel corso di questa settimana, anche a causa delle misure di stimolo fiscale statunitensi.

La fascia di supporto critica per l’oro è rappresentata adesso dai 1800 dollari l’oncia, il cui superamento potrebbe significare un vero e proprio crollo per la risorsa.

Quanto al petrolio, il Wti stamattina si trova a 51,7 dollari e il Brent viene scambiato a 55,19 dollari.

Sebbene in lieve calo rispetto alla chiusura della settimana scorsa, il prezzo del petrolio resta quindi più solido. Tuttavia, come accaduto anche in passato, gli aggiornamenti sull’output previsto dall’OPEC+ termineranno di esercitare uno stimolo rialzista per il greggio con il passare dei giorni, e le notizie sui nuovi lockdown generalizzati minacciano nuovamente il greggio.

Per i prossimi giorni, comunque, è possibile che i prezzi di Wti e Brent tendano a consolidarsi sopra i 51 e 55 dollari rispettivamente.

Il gas naturale si è invece ritirato a quota 2,6 dollari e continua a presentarsi come una risorsa dotata di pochi stimoli esterni per superare definitivamente la soglia di resistenza e portarsi in forte rialzo, al netto degli aggiornamenti settimanali sulle scorte statunitensi.

Il Calendario Economico della Settimana

La nuova settimana dei mercati si apre quest’oggi con diversi dati di rilievo provenienti dal Vecchio Continente, come l’indice dei prezzi all’ingrosso in Germania a Dicembre 2020, la produzione industriale Spagnola a Novembre 2020 e l’indice Sentix sulla fiducia degli investitori a Gennaio 2020 a livello di Unione Europea.

Si conoscerà anche l’IPC cinese e si terranno le consuete aste settimanali in Francia e Stati Uniti, in quest’ultimo caso per i Buoni del Tesoro a 3 mesi, 6 mesi e 3 anni.

Domani la settimana continua con le vendite al dettaglio italiane a Novembre 2020 e con il rapporto statunitense sull’ottimismo delle piccole imprese.

Si conosceranno anche le previsioni dell’Energy Information Administration (EIA) statunitense sui mercati energetici nel breve termine.

Mercoledì 13 Gennaio 2021 sarà il turno della produzione industriale italiana sempre aggiornata al mese di Novembre 2020, della produzione industriale a livello UE per lo stesso periodo e degli investimenti diretti esteri da parte della Cina.

Nel pomeriggio, come sempre, si conosceranno i dati sulle scorte di petrolio greggio negli USA, insieme alla produzione di distillati e benzina.

La giornata di Giovedì si aprirà con il PIL tedesco, diverse aste di BTP in Italia (a 3, 7, 10 e 30 anni) e le dichiarazioni sulla politica monetaria della BCE, che rappresenterà sicuramente l’elemento di maggiore impatto della giornata.

Giovedì sarà anche la giornata dedicata agli aggiornamenti settimanali sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli USA, a cui seguirà nel pomeriggio il saldo della bilancia commerciale cinese a fine 2020.

Infine, venerdì 15 Gennaio 2021, la giornata si aprirà con il PIL, la produzione industriale e la produzione manifatturiera del Regno Unito (gli ultimi due dati aggiornati a Novembre 2020), oltre alla sua bilancia commerciale UE e non-UE.

Aggiornamento a Novembre 2020 sulla bilancia commerciale anche per l’Unione Europea, atteso nella mattinata, mentre dagli USA giungeranno i dati aggiornati al mese di Dicembre 2020 sulle vendite al dettaglio, sulla produzione industriale e sulla produzione manifatturiera.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: