Italia markets close in 1 hour 56 minutes
  • FTSE MIB

    24.267,74
    -130,67 (-0,54%)
     
  • Dow Jones

    33.783,56
    -32,34 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.874,70
    +56,29 (+0,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.020,63
    -167,54 (-0,57%)
     
  • Petrolio

    61,36
    -0,07 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    40.537,86
    -5.393,10 (-11,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.114,99
    -8,91 (-0,79%)
     
  • Oro

    1.789,20
    +7,20 (+0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,2069
    +0,0051 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    4.144,68
    +9,70 (+0,23%)
     
  • HANG SENG

    29.078,75
    +323,41 (+1,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.987,59
    -27,21 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8708
    +0,0030 (+0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,1038
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5073
    +0,0051 (+0,34%)
     

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale: il Gas Verso un’Ambiziosa Chiusura Settimanale

Alberto Ferrante
·3 minuto per la lettura

Il prezzo dell’oro è rimasto stabile anche nella giornata di ieri, portandosi però in serata sotto quota 1730 dollari dopo un nuovo rialzo nel corso della prima parte della seduta. Il greggio si è contratto nuovamente in serata fino a oltre il -4% per poi prendere quota, mentre il gas naturale si è spinto ancora in rialzo.

Previsioni sul prezzo dell’Oro

Nella seconda parte della sessione di scambi di ieri l’oro si è nuovamente contratto dopo aver mostrato una prima tendenza rialzista a causa del nuovo apprezzamento del dollaro statunitense, che è stato in grado di riprendere quota dopo il calo nelle richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti.

I prezzi non sono stati infine in grado di mostrarsi in rialzo oltre la resistenza a 1734 dollari l’oncia, un valore molto vicino alla media a 10 giorni. Superata questa soglia si può arrivare anche verso ai 1785 dollari.

Il supporto è invece stabile a 1670 dollari l’oncia, ai minimi di Giugno 2020.

Previsioni sul prezzo del petrolio greggio e del gas naturale

Ancora un forte calo per il petrolio greggio nella giornata di ieri, prevalentemente a causa dei dubbi sulla ripresa della domanda e della forza del dollaro statunitense.

Alle ore 9.30 di oggi i prezzi sono in lieve rialzo, recuperando in parte la sforbiciata della vigilia, con il Wti a 59,91 dollari e il Brent a 63,17 dollari al barile.

Attualmente, il greggio texano sta sfidando la resistenza a 60 dollari per tentare di portare a termine un rialzo più netto, trovandosi per adesso in crescita del +2,31%. Superato questo livello, il petrolio greggio Wti potrebbe essere in grado di proseguire il suo recupero, se si ipotizza lo scenario di un dollaro statunitense più stabile. Se il prezzo dovesse invece continuare ad allontanarsi dai 60 dollari, allora ad avvicinarsi pericolosamente sarebbe la soglia di supporto a 58 dollari.

Per il Brent, attualmente in rialzo del +1,97%, l’obiettivo rialzista di breve termine resta quello di 65 dollari al barile. Per il greggio del mare del Nord, però, il contesto pandemico attuale, le nuove chiusure e la lentezza nello sviluppo dei piani di vaccinazione potranno pesare particolarmente. Per questo, è da escludere una chiusura settimanale intorno a questo valore, mentre appare più verosimile un consolidamento sopra i 63 dollari.

Infine, il gas naturale si trova ancora rialzista a 2,582 dollari (la precedente soglia di resistenza era fissata a 2,57) anche grazie ai dati sulle esportazioni di GNL, che continua a sostenere i prezzi.

Guardando esclusivamente alla giornata di oggi e alla relativa chiusura settimanale, il target di prezzo bullish sarebbe rappresentato dai 2,622 dollari, che aprirebbero la strada a un nuovo trend rialzista anche verso i 2,7 dollari. Sotto la resistenza da poco superata di 2,7 dollari si nasconde invece la minaccia di un’inversione anche fino a 2,5 dollari e poi ancora verso il supporto principale di 2,459 dollari.

Il calendario economico della settimana

Il FTSE Mib di Piazza Affari ha chiuso poco sopra il pareggio, similmente al DAX30 di Francoforte (+0,075%) e al CAC40 di Parigi (+0,086%).

L’indice Ibex-35 di Madrid si è invece portato in calo del -0,41% a quota 8409 punti.

La settimana dei mercati volge al termine quest’oggi con le vendite al dettaglio nel Regno Unito su base mensile e annuale a Febbraio 2021, oltre al PIL spagnolo e alle aspettative di business in Germania.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: