Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.725,47
    +564,69 (+1,65%)
     
  • Nasdaq

    13.770,57
    +417,79 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,29
    +0,68 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    33.964,42
    +1.212,96 (+3,70%)
     
  • CMC Crypto 200

    863,83
    +21,37 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.792,30
    -2,70 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1152
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.431,85
    +105,34 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8320
    -0,0008 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0375
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4232
    +0,0044 (+0,31%)
     

Prezzi Crypto: Solana (SOL) Scende da 6 Settimane, Arriva il Rimbalzo?

·3 minuto per la lettura

Durante il corso delle ultime settimane Solana (SOL) ha dovuto affrontare una serie di problemi prettamente tecnici che avevano portato alla congestione della propria rete, con conseguenti rallentamenti nella rapidità di esecuzione delle transazioni.

E’ in questo contesto che è maturato il costante calo cui abbiamo assistito a partire dalla prima settimana di novembre 2021, con un mercato che aveva appena raggiunto massimi in zona $ 260 e che da allora non ha fatto che scendere, fino a toccare i $ 131 nella giornata di lunedì scorso.

Problemi Alla Rete Ma Non Solo

L’ultima parte del ribasso, cominciata nei primi giorni del nuovo anno quando i prezzi quotavano attorno ai $ 170, è stata probabilmente dovuta anche al concomitante calo del Bitcoin al di sotto dei $ 45000. Come sempre accade quando il BTC soffre alcuni periodi di arretramento, anche in questa occasione si sono generate immediate ripercussioni ribassiste su tutte le altcoin più capitalizzate.

Ricordiamo che, proprio in zona $ 170, i rialzisti avevano cercato a lungo di prendere il controllo del trend, resistendo per più di 6 giornate alla pressione delle vendite. E’ stato esattamente quando BTC ha forato al ribasso i $ 45000 che la diga ha ceduto; SOL ha cominciato ad accelerare al ribasso prima fino a $ 152 e quindi fino ai $ 130, da cui finalmente è scattato un tentativo di reazione che perdura da due giornate.

L’Opinione Tecnica su SOL

Nell’analisi odierna a cura di Akashnath, riportata da AmbCrypto, l’esperto in valute digitali segnala la presenza di una prima resistenza a $ 152, fino alla quale ci dovrebbe essere spazio per la continuazione del recupero durate il proseguo della settimana. “Le proiezioni fissano possibili obiettivi anche fino ad area $ 165/170 ma, considerato il ritardo con cui si sta sviluppando questo tentativo di rimbalzo, è bene procedere un passo alla volta e considerare già i $ 152 come livello a densa concentrazione di venditori”.

Nell’ultimo mese le medie mobili a 55 ed a 21 giorni hanno egregiamente svolto la funzione di resistenze, assorbendo tutti i tentativi di recupero che si sono via via sviluppati in seno al movimento ribassista.

Attualmente entrambe queste medie transitano su grafico giornaliero sopra quota $ 170, e proprio la relativa distanza che separa ora i prezzi dalle medie rappresenta uno dei fattori che legittimano aspettative di rimbalzo. Secondo Akashnath, per interrompere la tendenza ribassista delle ultime sei settimane e creare un vero e proprio trend rialzista, che vada al di là degli sporadici sobbalzi dei prezzi, “SOL dovrebbe innanzitutto stabilire un intervallo di accumulazione, o quantomeno formare minimi e massimi crescenti sull’orizzonte temporale giornaliero, ma nessuna di queste due cose è ancora accaduta”.

I Riferimenti per il Trading

Per quanto riguarda lo scenario delineato dai principali oscillatori tecnici, rileviamo innanzitutto che l’indicatore di forza relativa RSI si trova vicino al livello 30 su grafico giornaliero. Generalmente si tratta di un livello da cui l’RSI tende a ripartire al rialzo ma, in questa occasione, Akashnath ritiene che il mercato evidenzi tuttora uno slancio predominante a favore dei ribassisti.

Anche l’OBV, che mette in relazione i volumi di scambio con il movimento dei prezzi, è diminuito mediante minimi e massimi consecutivi decrescenti, ed i ogni caso i volumi in questo periodo sono ben lontani da quelli registrati nel bimestre agosto -settembre dell’anno scorso. Infine, considerata l’attuale conformazione delle Bande di Bollinger, Akashnath sostiene che la volatilità sia destinata ad aumentare nei prossimi giorni. In conclusione, sebbene ci siano effettivamente le condizioni per un rimbalzo in seno al trend ribassista, quest’ultimo non ha ancora evidenziato segnali chiari di esaurimento o affievolimento nel corso di ben sei settimane. Entrambi i livelli di resistenza a $ 152 e $ 170 fungerebbero quindi da probabili zone di ripartenza del ribasso in caso di recuperi.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli