Italia markets open in 3 hours 52 minutes
  • Dow Jones

    31.438,26
    -62,42 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.524,55
    -83,07 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    26.830,69
    -40,58 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,0584
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    19.505,55
    -608,01 (-3,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    448,28
    -13,51 (-2,93%)
     
  • HANG SENG

    22.052,62
    -176,90 (-0,80%)
     
  • S&P 500

    3.900,11
    -11,63 (-0,30%)
     

Prezzi Gas Naturale: Avvio di Settimana Volatile, Mercato in Leggera Correzione

I prezzi del future sul gas naturale, quotato in dollari al Nymex, stanno attraversando una prima seduta di settimana caratterizzata da forte volatilità.

A partire dai primi scambi di questa notte, il mercato ha già effettuato quattro movimenti ribasso-rialzo-ribasso-rialzo di dimensioni pari, rispettivamente, a -5.15%, +5.12%, -6.07% e +4.31%, la cui risultante è stata una sostanziale stabilizzazione dei valori sotto alla fascia delle resistenze di breve/brevissimo periodo, che stanno mantenendo attivo il segnale ribassista formatosi dopo il raggiungimento del picco relativo di venerdì scorso a ridosso di quota 9.150.

Nel frattempo, mentre sono le 18.10 CET di lunedì 13 giugno, il contratto Future Natural Gas con scadenza a luglio viene passato di mano a 8.725 dollari, in calo del -1.41% rispetto alla chiusura di venerdì.

La Germania Accelera per i Rigassificatori

I piani tedeschi per la costruzione di terminali atti a ricevere e distribuire il gas naturale liquefatto (LNG) d’importazione statunitense, stanno prendendo sempre più velocità da quando Berlino li ha dichiarati “vitali” per i suoi sforzi di diversificazione dall’energia russa.

Si tratta di progetti che da lungo tempo languivano in cantiere, in quanto la fornitura di gas via tubo da Mosca risultava molto meno costosa. La Germania ha ora affittato quattro unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione (FSRU) e ha scelto il porto di Wilhelmshaven come primo hub di movimentazione del LNG.

Si tratta di una misura tanto urgente quanto provvisoria, in vista dell’individuazione di ulteriori siti di stoccaggio più attrezzati, in grado anche di gestire le consegne di gas a basse emissioni di carbonio e idrogeno pulito.

Una prima FSRU dovrebbe essere comunque pronta entro la fine di quest’anno o al massimo per l’inizio del 2023, seguita poco dopo da una seconda a Brunsbuettel.

Il Quadro Tecnico per il future Natural GAS

Su grafico a barre da 30 minuti, lo scenario a 1-2 sedute è dominato dalla presenza di resistenze a 8.844/8.884 e 9.144/9.190, livelli ove sono probabilmente concentrati in questa fase i venditori. Le resistenze costituiranno punti di probabile ripiegamento in caso di nuovi recuperi, in particolare fra stanotte e domani (martedì 14 giugno).

Le proiezioni indicano un target ribassista principale a 7.565/7.600, da raggiungere passando per il primo obiettivo intermedio posto a quota 7.950. Quest’ultimo livello è posto in corrispondenza di un supporto, da cui potrebbe scattare qualche provvisoria reazione in seno al ribasso atteso. Tecnicamente sarebbe preferibile seguire il mercato con posizioni short solo su eventuali nuovi test delle resistenze, in ogni caso da prezzi non inferiori a 8.820.

Lo scenario descritto verrebbe annullato dalla rottura della seconda resistenza, mediante una chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 9.190.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli