Italia markets open in 6 hours 32 minutes
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.522,08
    +188,56 (+0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,1422
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    37.113,75
    -749,53 (-1,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.019,76
    -5,97 (-0,58%)
     
  • HANG SENG

    24.218,03
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     

Prezzi Gas Naturale: Rimbalzo In Atto Al Termine Di Una Settimana Ribassista

·3 minuto per la lettura

I prezzi del gas naturale quotato in dollari al Nymex stanno concludendo in recupero una settimana altrimenti pessima, durante la quale i valori si sono spostati al ribasso da 4.085 (picco di lunedì 13) fino a 3.617 (minimo di oggi) prima di avviare il rimbalzo in atto. L’escursione fra massimi e minimi settimanali è stata del -11.46%.

Il principale livello di resistenza da monitorare per il breve periodo (=prossime 5-10 giornate) coincide con la chiusura di venerdì 3 dicembre a 4.132. Fino a quando non assisteremo al superamento consolidato di tale livello, confermato da almeno una chiusura daily superiore, dovremo considerare ancora attivo il movimento dominante ribassista che ha avuto origine direttamente dai massimi dell’anno, toccati il 6 ottobre a 6.466.

A far capo da tale data il mercato del gas si è deprezzato di un 44.06% complessivo, con una perdita media giornaliera dello 0.84% in 52 sedute di borsa. Alle ore 18.06 CET il contratto future con scadenza a gennaio viene scambiato a 3.797, con un guadagno dello 0.82% rispetto alla chiusura di ieri.

Sentiment ribassista in aumento negli USA

Gli analisti di Rystad Energy hanno affermato che il sentiment ribassista sul mercato del Gas sta prendendo rapidamente piede negli Stati Uniti. L’Energy Information Administration (EIA) prevede che la produzione a lungo termine continuerà ad aumentare fino a nuovi record. Nel contempo, però, si sta assistendo ad un calo della domanda dovuto in parte anche alle condizioni meteo insolitamente favorevoli per questo periodo dell’anno, con conseguente diminuzione della domanda interna per combustibile da riscaldamento.

In Europa, invece, i prezzi del gas naturale stanno nuovamente aumentando a causa della scarsità di offerta e delle crescenti tensioni geopolitiche. Ciò sta causando più di qualche grattacapo alle società di servizi energetici e alle autorità di regolamentazione europee, ma nel contempo offre grosse opportunità per gli esportatori di gas naturale liquefatto (GNL) nordamericano.

Di conseguenza, questa settimana lo spread tra gli Stati Uniti e l’Europa per i carichi in partenza dalla costa del Golfo ha superato l’incredibile cifra di $ 37/MMBtu, mentre l’arbitraggio verso l’Asia si aggira intorno ai $ 30, secondo i calcoli NGI.

Il Quadro Tecnico per il Natural Gas

Su grafico intarday a barre di 30 minuti possiamo visualizzare l’attuale posizione della resistenza principale a 1-2 giornate, che si è abbassata nel corso della settimana fino a portarsi a 3.844/3.856.

La resistenza costituirà probabile punto di ripartenza del ribasso in caso di ulteriori recuperi. Le aspettative sono di estensione della debolezza fino a 3.543 (target).

Da un punto di vista della convenienza fra rischio/beneficio, sarebbe preferibile seguire il mercato con posizioni short da prezzi comunque non inferiori a 3.740. il quadro tecnico verrebbe annullato dall’eventuale rottura della resistenza principale, con una chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 3.856.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli