Italia markets close in 7 hours 34 minutes
  • FTSE MIB

    26.490,99
    +462,10 (+1,78%)
     
  • Dow Jones

    34.297,73
    -66,77 (-0,19%)
     
  • Nasdaq

    13.539,29
    -315,83 (-2,28%)
     
  • Nikkei 225

    27.011,33
    -120,01 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    85,88
    +0,28 (+0,33%)
     
  • BTC-EUR

    33.274,87
    +886,62 (+2,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    853,93
    +33,34 (+4,06%)
     
  • Oro

    1.844,10
    -8,40 (-0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,1288
    -0,0018 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.356,45
    -53,68 (-1,22%)
     
  • HANG SENG

    24.289,90
    +46,29 (+0,19%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.161,27
    +83,01 (+2,04%)
     
  • EUR/GBP

    0,8361
    -0,0007 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0384
    +0,0009 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4208
    -0,0061 (-0,42%)
     

Prezzi Oro: Leggera Flessione in Corso, ma C’è un Segnale Forte

·2 minuto per la lettura

I prezzi dell’Oro quotato in dollari al Comex stanno attraversando una fase di arretramento dai massimi della scorsa settimana, toccati venerdì 17 a quota 1815.7. I segnali tecnici di maggior rilievo giungono proprio dalla particolare confermazione assunta dal mercato con l’oscillazione della settimana scorsa.

Fra il giorno 13 ed il giorno 17 il mercato ha infatti consolidato la solidità del supporto di medio periodo posto in area 1745.5/1753.0, livello che costituirà ancora punto di probabile reazione in caso di nuovi arretramenti nel corso delle prossime 3-5 giornate.

Nel contempo, ha generato un segnale rialzista che legittima aspettative di rottura delle resistenze di medio periodo poste a 1837 e 1879.5, con obiettivi su nuovi massimi relativi. Alle 18.58 CET il contratto future con scadenza a febbraio viene scambiato a 1787.1, con una perdita del -0.42% rispetto alla chiusura di ieri.

Rendimenti USA Ancora Alti Pesano Sull’Oro

Il calo registrato dall’Oro dopo il picco di venerdì scorso è arrivato in concomitanza con l’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA ed al ritorno della propensione al rischio evidenziata dagli operatori sui mercati azionari, tutti elementi fisiologicamente negativi per il metallo rifugio.

Il rendimento a 10 anni del Tesoro statunitense sta attualmente raggiungendo l’1,487%, mentre l’obbligazione tedesca a 10 anni (Bund) quota -0,362% e l’obbligazione britannica a 10 anni (Gilt) a 0,798%.

Molte banche europee stanno acquistando titoli del Tesoro USA per sfruttare il differenziale favorevole. Questo costituisce uno dei motivi principali che stanno alla base della forza attuale del biglietto verde, elemento che pesa inevitabilmente sul mercato dell’Oro.

Il Quadro Tecnico per il Future sull’Oro

Su grafico intraday a barre da 30 minuti possiamo individuare fra 1782.3/1785.1 il principale livello di supporto daily, livello al quale i prezzi sono giunti in flessione toccando minimi relativi a 1785.

Le potenzialità di ripartenza fin da subito del rialzo sono legate alla tenuta di tale livello, a favore di obiettivi disposti a 1807.0 e 1811.0. Come anticipato in testa all’articolo, l’attuale supporto principale a sostegno dello scenario rialzista passa per area 1745.5/1753.0, per cui l’eventuale cedimento di 1782.3 potrebbe tuttalpiù determinare un rallentamento nello sviluppo del rialzo, spostando l’attenzione sulla successiva area di rimbalzo che è posta fra 1762/1765.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli