Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.079,68
    +132,69 (+0,43%)
     
  • Nasdaq

    11.168,54
    -13,00 (-0,12%)
     
  • Nikkei 225

    26.804,60
    -244,87 (-0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,0445
    -0,0080 (-0,76%)
     
  • BTC-EUR

    19.213,80
    -368,61 (-1,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    432,35
    -7,31 (-1,66%)
     
  • HANG SENG

    21.996,89
    -422,08 (-1,88%)
     
  • S&P 500

    3.821,07
    -0,48 (-0,01%)
     

Prezzi Oro: Lieve Recupero dai Minimi di Ieri, sull’Attesa della FED

I prezzi del future sull’oro, quotato in dollari al Comex, stanno cercando oggi di avviare un movimento di stabilizzazione sopra ai livelli di supporto di breve periodo. Il mercato era partito molto bene al rialzo lunedì mattina con nuovi massimi relativi toccati a 1882.5, su livelli che non si vedevano dal 9 maggio, ma le quotazioni sono subito tornate a pendere al ribasso fino ai minimi toccati ieri (martedì 14) a 1806.1.

Sebbene le prospettive tecniche restino favorevoli ad un rialzo nel corso delle prossime 3-5 giornate, è un fatto che la pressione rialzista stia ancora stentando a riprendersi con sufficiente stabilità, dopo il -14% abbondante perso in due mesi dai massimi di marzo.

Mentre scriviamo sono le 18.59 CET di mercoledì 15 giugno, ed il contratto Future Gold con scadenza ad agosto viene passato di mano a 1821.4 dollari, in incremento del +0.44% su base giornaliera.

L’Attesa per le Mosse della Fed

In una nota di ricerca pubblicata mercoledì, Daniel Briesemann, analista di metalli preziosi presso Commerzbank, ha affermato chei prezzi dell’oro potrebbero recuperare le loro recenti perdite se la banca centrale statunitense si attenesse fedelmente al suo programma di politica monetaria, aumentando i tassi di interesse di 50 punti base nella riunione di oggi, anziché accontentare i ‘falchi’ che pretendono un aumento più aggressivo.

“Se la Fed dovesse aumentare i tassi di interesse di ‘solo’ 50 punti base, alcuni dei movimenti osservati negli ultimi giorni potrebbero essere invertiti, ovvero i rendimenti potrebbero scendere, il dollaro potrebbe indebolirsi e l’oro potrebbe guadagnare“, sostiene Briesemann, che ha anche aggiunto: “Il destino del metallo prezioso è nelle mani del presidente della Federal Reserve Jerome Powell. Se stasera dovesse suonare molto aggressivo, crediamo che i guadagni che l’oro potrebbe potenzialmente ottenere sarebbero limitati, o che il prezzo dell’oro potrebbe continuare la sua discesa”.

Tuttavia, alcuni analisti hanno affermato che è improbabile che la Fed deluda le aspettative del mercato poiché i timori sull’inflazione continuano a crescere.

Il Quadro Tecnico per il Future Gold

Su grafico a barre da 30 minuti possiamo visualizzare l’odierna azione dei prezzi che, dopo aver esteso il recupero nel pomeriggio fino a 1838.5, stanno adesso arretrando nell’attesa delle comunicazioni della FED relative ai tassi. Si sono formati supporti a 1811.0/12.6 ed a 1794.2/95.7 che costituiranno, in caso di ulteriori arretramenti, punti di probabile reazione del mercato.

Ci aspettiamo un recupero fino a 1850.0 e 1865.0/65.5, obiettivi virtualmente raggiungibili entro la fine della settimana. Tecnicamente è preferibile seguire il mercato con posizioni long sfruttando eventuali ritorni almeno sul primo supporto, in ogni caso da valori non superiori a 1821.5. Lo scenario verrebbe annullato in caso di cedimento del supporto principale, mediante una chiusura su grafico a 30 minuti inferiore a 1794.2.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli