Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.003,31
    -294,42 (-0,86%)
     
  • Nasdaq

    13.442,35
    -96,94 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.011,33
    -120,01 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1251
    -0,0055 (-0,48%)
     
  • BTC-EUR

    33.180,91
    +85,91 (+0,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    857,42
    +1,61 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    24.289,90
    +46,29 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    4.324,00
    -32,45 (-0,74%)
     

Prezzi Petrolio Greggio Continuano a Salire Nonostante l’Eccesso di Offerta

·2 minuto per la lettura

I prezzi del petrolio greggio quotato in dollari al Nymex stanno attraversando una sessione di stabilizzazione, dopo che nelle prime tre sedute settimanali era stato prodotto dal mercato un rialzo del +6.77% a partire dai minimi di lunedì scorso a 77.83. Anche se oggi le quotazioni si sono mantenute poco sotto ai massimi relativi di ieri (quota 83.10) non sono evidenti mentre scriviamo indicazioni di esaurimento della spinta rialzista.

Il petrolio ha recuperato oramai quasi tutto l’ampio ribasso del -26.33% che si era consumato fra ottobre e dicembre dello scorso anno, tanto che la principale resistenza ora visibile coincide proprio con il picco del 25/10/21 toccato a 84.54. Alle ore 17.51 CET il contratto future con scadenza a febbraio viene scambiato a 82.69, praticamente stabile (+0.06%) rispetto alla chiusura di ieri.

Il Covid Non Ferma il Recupero

Il rialzo dei prezzi del greggio si sta sviluppando in un contesto che, almeno teoricamente, dovrebbe essere tutt’altro che favorevole ai rincari. L’impennata di Omicron, con i record continui di casi di COVID registrati in molte delle principali economie, si stanno combinando con un eccesso dell’offerta sul mercato petrolifero e dovrebbero quindi fornire motivi validi agli orsi per pesare sul trend. Gli analisti si stanno tuttavia concentrando sulla possibilità che l’eccesso di offerta non risulti alla fin fine così alto come previsto qualche mese fa, anche a causa dei livelli molto bassi delle scorte conteggiate a fine 2021.

Inoltre, le recenti interruzioni della produzione che hanno interessato i giacimenti di Libia e Kazakistan hanno fatto crescere i dubbi sull’effettiva capacità di estrazione in aree del mondo geopoliticamente sensibili. Gli sviluppi del COVID continueranno a costituire la maggiore incognita sul mercato quest’anno, ma si prevede che la domanda media globale di petrolio nel 2022 supererà il livello pre-pandemia del 2019, affermano previsori e analisti.

Quadro Tecnico per il Petrolio Greggio

Su grafico a barre di 30 minuti possiamo localizzare con maggiore precisione la disposizione dei principali supporti a sostegno del segnale rialzista attualmente attivo. I supporti sono posti a 82.00/82.13 ed a 80.16/80.25, punti ove tecnicamente riteniamo siano concentrati i compratori. Entrambi i livelli costituiranno punti di probabile ripartenza del rialzo anche in caso di nuovi arretramenti, in particolare fra stanotte e venerdì. Le proiezioni fissano obiettivi a 84.49/51 ed a 85.50, virtualmente raggiungibili durante la prossima settimana.

Da un punto di vista della convenienza fra rischio/beneficio, sarebbe preferibile seguire il mercato con posizioni long solo da prezzi non superiori a 82.20, per cui sfruttando ogni riavvicinamento almeno al primo supporto. Lo scenario descritto verrebbe annullato e rivisto solo nell’eventualità di rottura del secondo supporto, con una chiusura su grafico a 30 minuti inferiore a 80.16.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli