Italia markets open in 5 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    33.336,67
    +27,16 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    12.779,91
    -74,89 (-0,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.409,18
    +589,85 (+2,12%)
     
  • EUR/USD

    1,0315
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    23.263,32
    -229,55 (-0,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    568,94
    -5,80 (-1,01%)
     
  • HANG SENG

    20.082,43
    +471,59 (+2,40%)
     
  • S&P 500

    4.207,27
    -2,97 (-0,07%)
     

Prezzi Petrolio Greggio: Correzione Lieve Nonostante Omicron e Kazakistan

·3 minuto per la lettura

I prezzi del Petrolio Greggio quotato in dollari al Nymex stanno attraversando la seconda sessione consecutiva di arretramento. I prezzi hanno raggiunto venerdì 7 un picco relativo a 80.47, su livelli che non si rivedevano dal 16 novembre dello scorso anno.

L’ammontare complessivo del rialzo in corso dai minimi del 2 dicembre ha oltrepassato il 29% di estensione, ed il mercato ha ormai recuperato quasi completamente l’ampio arretramento sviluppatosi dopo i massimi del 25 ottobre 2021 (quota 84.54).

Il -3.28% di correzione misurata dal picco di venerdì scorso, fino ai minimi odierni, non ha generato finora la rottura di supporti-chiave in ottica di sostegno alla tendenza rialzista, che infatti risulta ancora intatta. Alle 18.01 CET il contratto future con scadenza a febbraio viene scambiato a 78.42, con una perdita del -0.61% rispetto alla chiusura di venerdì.

Produzione in calo in Kazakistan e Libia

I timori relativi ad una diminuzione della produzione di Kazakistan e Libia sono stati compensati oggi dalla preoccupazione per il rapido ritorno delle infezioni da coronavirus a livello globale. I problemi dell’offerta hanno quindi fatto a pari con le inquietudini della domanda, consentendo alle quotazioni di rimanere sostenute in zona-massimi di periodo. I prezzi del petrolio erano aumentati del 5% la scorsa settimana, dopo che le proteste in Kazakistan erano degenerate creando interruzioni alle linee ferroviarie e problemi di estrazione dai giacimento petroliferi di Tengiz.

In Libia, invece, i problemi sono di natura esclusivamente tecnica, visto che è in corso un processo di manutenzione e ammodernamento degli oleodotti. Ciò ha determinato un abbassamento della produzione fino a 729.000 barili al giorno, rispetto agli 1.3 milioni che venivano quotidianamente estratti l’anno scorso. “Le preoccupazioni dal lato dell’offerta dovrebbero comunque diminuire in settimana, il che suggerisce che i prezzi possano effettuare un ulteriore arretramento prima di venerdì prossimo”, ha affermato l’analista di Commerzbank Carsten Fritsch.

Il Quadro Tecnico per il Future sul Petrolio

Su grafico a barre di 30 minuti possiamo visualizzare con maggior precisione i riferimenti tecnici principali per le prossime 1-2 giornate. In particolare ci interessano i livelli di supporto a posizionati a 78.35/45 e quota 77.10/77.22, in quanto sono i livelli che sorreggono lo scenario rialzista tuttora in vigore.

Il primo supporto risulta sotto pressione da parte del mercato già da diverse ore, mentre il supporto principale non è mai stato avvicinato finora dai prezzi. Entrambi i livelli costituiscono punti di potenziale ripartenza del rialzo. Le proiezioni fissano obiettivi a 80.75 e 81.50/53. Dopo il raggiungimento di quest’ultimo livello sarà necessario aggiornare l’analisi in base ai segnali che verranno forniti dal mercato, per appurare se ci possano essere fin da subito ulteriori margini rialzisti fino a 82.80. Lo scenario descritto verrebbe annullato e rivisto nell’eventualità di cedimento del secondo supporto, con una chiusura su grafico a 30 minuti inferiore a 77.10.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli