Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.907,47
    -72,85 (-0,21%)
     
  • Nasdaq

    12.963,07
    +24,94 (+0,19%)
     
  • Nikkei 225

    28.942,14
    -280,63 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,0086
    -0,0094 (-0,93%)
     
  • BTC-EUR

    23.117,02
    -366,32 (-1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    556,18
    -1,55 (-0,28%)
     
  • HANG SENG

    19.763,91
    -158,54 (-0,80%)
     
  • S&P 500

    4.277,76
    +3,72 (+0,09%)
     

Prezzi Petrolio Greggio: Toccati i Livelli Più Bassi da 3 Mesi, Ma Potrebbe Non Bastare

I prezzi del future sul petrolio greggio WTI, quotato in dollari al Nymex, si avviano a chiudere in leggero recupero la sessione odierna, dopo che, nel corso della giornata, erano stati toccati minimi a 93.67, con un arretramento provvisorio del -2.26% da ieri.

Mentre scriviamo sono le 20.12 CET di mercoledì 13 luglio, ed il contratto Future Light Crude Oil con scadenza ad agosto viene passato di mano a 96.18 dollari, con un modesto incremento del +0.35% su base giornaliera.

La Russia Rimpiazza l’Occidente con l’India

Le importazioni di petrolio dell’India dalla Russia sono aumentate a giugno fino al livello-record di circa 950.000 barili al giorno. La Russia arriva ora a coprire circa un quinto delle importazioni complessive del terzo consumatore di petrolio al mondo, secondo i dati forniti da fonti commerciali.

Le raffinerie indiane hanno acquistato petrolio russo venduto a prezzi fortemente scontati rispetto a quelli del Brent e dei Paesi del Medio Oriente, dopo che diverse società facenti capo a Paesi occidentali avevano evitato gli acquisti da Mosca per ritorsione contro l’invasione dell’Ucraina.

L’India ha ricevuto complessivamente circa il 23% di petrolio in più rispetto a giugno dell’anno scorso, rivelano i dati. Nel corso del 2021 scorso le importazioni di petrolio dell’India erano state basse poiché la domanda di carburante era stata rimaneggiata dagli effetti della seconda ondata mortale di coronavirus.

Le importazioni di petrolio dalla Russia sono aumentate del 15,5% a giugno rispetto a maggio, mentre quelle dall’Iraq e dall’Arabia Saudita sono diminuite rispettivamente del 10,5% e del 13,5%, trascinando la quota del Medio Oriente dal 59,3% al 56,5%.

Future Light Crude Oil: Quadro Tecnico

Su grafico a barre di 30 minuti ci concentriamo in particolare sull’ultima parte dell’azione dei prezzi, quella che li vede rimbalzare dopo aver raggiunto i minimi odierni a 93.67.

L’oscillazione si sta sviluppando entro un range di probabile distribuzione delimitato, al rialzo, dalle resistenze di quota 97.40 e quota 98.75/98.87. Nell’area fra 93.65 e 94.35 sono raggruppati alcuni supporti intermedi.

Ci aspettiamo ripetuti cambi di tendenza fra le resistenze ed i supporti intermedi, a scopo di provvisorio consolidamento del mercato, in preparazione alla rottura ribassista, con proiezioni a 91.55/91.65. Lo scenario tecnico verrebbe accantonato e rivisto solo in caso di rottura della seconda resistenza, mediante una chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 98.87.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli