Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,90 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,23 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,07 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    28.320,37
    +279,77 (+1,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,00 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0564
    -0,0023 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,54 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8463
    -0,0018 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0295
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,3558
    -0,0011 (-0,08%)
     

Prezzi stabili tra timori per offerta russa e domanda asiatica

Una pompa petrolifera a Granum, Alberta, Canada

(Reuters) - Il greggio scambia stabile, dopo che la Russia ha tagliato le forniture di gas in Bulgaria e in Polonia, anche se i persistenti timori per i lockdown asiatici contro il coronavirus, che potrebbero zavorrare la crescita economica e la domanda, hanno contenuto l'aumento dei prezzi.

Dopo le perdite viste a inizio seduta, intorno alle ore 11,20 italiane i futures sul Brent guadagnano 83 centesimi, o lo 0,8%, a 105,82 dollari il barile. I futures sul greggio Usa balzano di 75 centesimi, o dello 0,7%, a 102,40 dollari il barile.

I prezzi del petrolio hanno ignorato l'aumento del dollaro ai massimi di due anni, rendendo gli acquisti di greggio più costosi per i detentori di altre valute.

Il gigante energetico russo Gazprom ha comunicato di aver interrotto la fornitura di gas in Bulgaria e in Polonia, in un'importante escalation della più ampia disputa tra la Russia e l'Occidente su quella che Mosca ha definito come una "operazione militare" in Ucraina.

L'evento ha spinto ieri i futures NYMEX sul diesel a basso tenore di zolfo oltre il 9%, a livelli record di 4,47 dollari il gallone.

Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) ha segnalato ieri che l'Asia è alle prese con un outlook di "stagflazione", a causa della guerra in Ucraina, dell'impennata dei costi delle materie prime e del rallentamento in Cina.

Ieri la banca centrale cinese ha comunicato che aumenterà il proprio sostegno per la politica monetaria, mentre Pechino tenta di eliminare sul nascere l'epidemia di Covid-19 nella capitale ed evitare lo stesso tipo di severo lockdown imposto a Shanghai da un mese. Qualsiasi stimolo andrebbe a beneficio della domanda di petrolio.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli