Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.858,68
    -107,64 (-0,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Prime esercitazioni aeree congiunte Giappone-Germania

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 set. (askanews) - Le Forze di autodifesa aeree giapponese e l'Aeronautica tedesca hanno condotto le loro prime esercitazioni in Giappone. Lo riferisce oggi Nikkei Asia.

Un Eurofighter Typhooon pilotato dal generale Ingo Gerhartz, capo di stato maggiore dell'aeronautica tedesca, Luftwaffe, è atterrato oggi nella base aerea Hyakuri, a nord-est di Tokyo, dopo otto ore di volo da Singapore. Alle manovre prenderanno parte altri due aerei da guerra tedeschi.

L'esercitazione aerea nippo-tedesca viene dopo l'arrivo di una fregata tedesca in Asia orientale, a mostrare una volontà di rafforzare la presenza nello scenario indo-pacifico, come messaggio alla Cina in particolare.

Per la parte giapponese, all'esercitazione si sono uniti tre aerei da combattimento F-2 uno dei quali pilotato dal capo di stato maggiore delle Forze di autodifesa aeree generale Shunji Izutsu.

"L'esercitazione ha dimostrato che noi possiamo muoverci nell'area con velocità e continueremo il nostro coinvolgimento in questa regione", ha spiegato Gerhartz. Sostanzialmente l'obiettivo era dimostrare che gli aerei da guerra sono in grado di essere dispiegati in questa regione dall'Europa più velocemente delle navi.