Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,70
    +0,49 (+0,44%)
     
  • BTC-EUR

    27.731,46
    -111,95 (-0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Primo Maggio, De Nuntiis (Confsal): "Su sicurezza necessari attenzione collettiva e correttivi"

(Adnkronos) - "Crediamo che non vi sia occasione migliore della giornata del lavoro per affrontare i temi, sempre più stringenti, della sicurezza; soprattutto in un periodo storico caratterizzato da profondi cambiamenti nel contesto delle lavorazioni e dei cicli produttivi oltre che delle dinamiche sociali". Così Michele de Nuntiis, responsabile Sicurezza nei luoghi di lavoro di Confsal e membro della commissione consultiva permanente per la Salute e la Sicurezza sul lavoro del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, alla vigilia del Primo Maggio che vedrà la Confederazione generale sindacati autonomi lavoratori in piazza a Napoli.

"La sicurezza degli ambienti di lavoro, costantemente richiamata in contesti giuridici e dell’informazione, se da un lato compie relativi progressi nell’ambito della prevenzione delle tradizionali malattie professionali, dall’altro vede permanere, purtroppo, condizioni di pericolo riguardo agli infortuni gravi o mortali", osserva De Nuntiis che aggiunge: "Basti pensare ai casi, decisamente troppo frequenti, in cui si è osservato il verificarsi di infortuni mortali dovuti a precipitazione, schiacciamento, folgorazione o nell’ambito dell’utilizzo di macchinari. Circostanze queste che ci riportano indietro di decenni rispetto agli eventi di pericolo in taluni settori lavorativi, vieppiù che si realizzano in contesti di apparente modernità e 'tutelati' da un sistema sanzionatorio tra i più severi".

"Occorre implementare ogni possibile forma di attenzione alla formazione e al rispetto delle regole da parte degli attori della sicurezza - spiega - dai datori di lavoro ai medici competenti, dai rappresentanti dei lavoratori ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione, ai lavoratori stessi, agli organi di vigilanza; in un’ottica di reciproca e fattiva collaborazione e non, come spesso accade, di contrapposizione". Pertanto, conclude De Nuntiis "il tema della sicurezza dei luoghi di lavoro risulta fin troppo attuale e pervasivo, avuto riguardo dei frequenti eventi drammatici che si verificano in ambito lavorativo, attestando un'impellente necessità di attenzione collettiva e di correttivi istituzionali e concettuali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli