Italia markets closed

In primo piano-dai quotidiani

Rbr

Roma, 13 mar. (askanews) - L'emergenza coronavirus che si allarga sempre di più anche in Europa e la giornata disastrosa vissuta ieri sui mercati mondiali, con Piazza Affari che ha registrato la perdita più grande della sua storia, Ftse Mib -17%, sono i due temi che aprono le prime pagine di tutti i quotidiani.

Repubblica con il titolo a tutta pagina "Non c'è tregua", si sofferma sul disastro in Borsa scatenata dalle parole della presidente della Bce, Christine Lagarde. La numero uno dell'Eurotower ha annunciato ieri le nuove musure per aiutare le banche e garantire liquidità in questo modo alle aziende e famiglie affossando tuttavia i mercati con l'incauta dichiarazione "non siamo qui per chiudere gli spread", precisata successivamente. Il quotidiano riprende poi le parole del presidente della Repubblica, intervenuto per richiamare l'Europa a non porre ostacoli all'Italia che contro il coronavirus sta mettendo in atto misure draconiane. In prima pagina campeggia che una fotonotizia con la Juventus che nello spogliatoio festeggia la vittoria con l'Inter giocata a porte chiuse domenica scorsa ma con la squadra poi in quarantena perchè il calciatore Daniele Rugani è risultato positivo al test del coronavirus. Sul giornale spazio anche alle proteste dei sindacati che minacciano lo sciopero se il governo non intereverrà per salvaguardare le condizioni di sicurezza e salute nelle fabbriche.

Il Corriere della sera apre invece sulle nuove regole legate all'emergenza coronavirus. "Tensione sulle nuove regole" è il titolo di prima pagina. "Le Regioni - scrive il qutidiano - chiedono più chiarezza al governo e misure ancora più restrittive". La ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese: "Se necessario faremo anche altre scelte coraggiose". In prima pagina anche le parole della Lagarde e il crollo dei mercati con il richiamo del Colle perchè l'Europa non ponga ostacoli all'Italia che sta facendo di tutti per arginare l'epidemia da Covid-19. In prima pagina anche la proposta lanciata dal senatore a vita ed ex premier, Mario Monti di un prestito "della Repubblica italiana denominato 'Investi nella Salute dell'Italia' o 'Buoni per la salute pubblica' per il mercato internazionale. Di importo molto rilevante e negoziabile nel mercato secondario".

"Le Borse affondano, lo spread a 253 punti" è il titolo di apertura del Sole24Ore che parla di "gaffe della Lagarde" e di reazione di Mattarella. In prima pagina anche la convocazione di sindacati e imprese oggi da parte del premier Conte per meglio affrontare l'emergenza coronavirus nelle fabbriche che continuano ad essere aperte. "Nelle fabbriche salgono tensione e timori in seguito all'emergenza sanitaria e nascono manifestazioni e scioperi spontanei". Fotonotizia sulla sperimentazione del farmaco per la artrite reumatoide per alcuni casi di coronavirus. Il quotidiano economico ricorda anche la decsione di sospendere Iva, Irperf e contributi per imprese e professionisti in arrivo con il nuovo decreto sulle misure economiche per l'emergenza. Il Sole24ore scrive inoltre di una norma in arrivo nel decreto sulle misure per il Coronavirus per lo slittamento delle assemblee per il rinnovo dei cda delle società quotate a partecipazione pubblica, Le prime potrebbero essere Mps e Poste che hanno le assemblee il 6 e il 16 aprile. Mas potrebbero slittare anche le altre. Le assemblee dovranno svolgersi entro tre mesi comunque dall'entrata in vogore del decreto.

Il Giornale titola invece "Fuoco amico" sempre in riferimento alle parole della Lagarde che hanno affondato i mercati. "Mille morti e la Bce affonda l'Italia", scrive il quotidiano. Il Giornale dedica anche spazio alle polemiche sulle nuove misure del governo sulle chiusure degli esercizi commercaili che sono giudicate insufficienti dalla Lombardia che chiede di più.

Il Fatto quotidiano apre sulla notizia della Fiera di Milano destinata a diventare un ospedale. "Sei giorni per creare 600 nuovi posti letto". Spazio anche al decreto economico per l'emergenza con il bonus da 1000 euro per partite iva e precari.