Italia markets open in 1 hour 42 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.316,35
    -102,16 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1758
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    11.274,73
    +4,02 (+0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    262,31
    -10,38 (-3,81%)
     
  • HANG SENG

    24.577,32
    -131,48 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Private Capital, con HAT focus sugli investimenti alternativi

Red
·3 minuti per la lettura

Roma, 8 ott. (askanews) - HAT ha presentato oggi l'investors day "Insieme Investiamo nel Futuro: la nuova sfida di Private Capital, Casse di Previdenza, Fondi Pensione e Fondazioni Bancarie per il supporto del Sistema Paese". L'evento si è svolto a Roma domani a Villa Blanc presso la Luiss Business School ed ha visto la partecipazione di illustri esponenti del settore previdenziale, dell'imprenditoria italiana e del mondo finanziario, oltre che di importanti relatori istituzionali. Il confronto ha posto al centro del dibattito gli investimenti alternativi, sempre più un percorso "tradizionale" nell'attuale contesto di mercato, specie in un momento complicato come quello attuale: la diversificazione dei portafogli con investimenti in private capital porta infatti beneficio all'economia reale, provata da un lockdown prolungato, producendo benefici effetti sulla crescita del Paese. È un circolo virtuoso che si alimenta: più investimenti a sostegno dell'economia reale, e quindi delle aziende italiane, determinano più ricerca e sviluppo, più occupazione, più crescita del Pil. In ultima analisi più sviluppo del Sistema Italia. "In questo contesto, HAT intende giocare un ruolo da protagonista quale trait d'union tra le PMI italiane e gli investitori istituzionali - ha dichiarato Nino Attanasio, Presidente di HAT - con l'obiettivo di chiudere quel circolo virtuoso che consentirebbe un reale innesto di risparmio nel tessuto produttivo, a supporto delle nuove sfide e dell'auspicata fase di ripresa che il Paese si appresta ad affrontare: da un lato, continuando a investire nelle PMI italiane apportando capitali e risorse manageriali e, dall'altro, offrendo soluzioni di investimento di diversificazione e decorrelazione in linea con le esigenze degli investitori istituzionali." "Da oltre 12 anni, HAT continua ad investire nelle aziende italiane per supportarle nella crescita, puntando su innovazione e tecnologia, aspetti imprescindibili per lo sviluppo del Paese - ha dichiarato Ignazio Castiglioni, Amministratore Delegato di HAT - Negli ultimi mesi, non solo abbiamo lavorato con le partecipate dei nostri fondi per trovare soluzioni ottimali legate ad alcuni aspetti della gestione rilevanti in questo periodo di profonda discontinuità generata dal Covid-19, ma abbiamo concluso positivamente anche numerose operazioni, tra cui la cessione di SIA, gruppo leader europeo nei sistemi di pagamento, a CDP Equity, in un'operazione che ha coinvolto anche i soci di minoranza F2i, Intesa Sanpaolo e UniCredit. Nei prossimi mesi, prevediamo di proseguire nel nostro percorso che ci vede leader in Italia nella gestione di fondi alternativi specializzati che investono nelle imprese italiane, perché da sempre siamo tifosi dell'Italia!" HAT SGR è la società di gestione del risparmio del gruppo HAT, gestore indipendente leader in Italia nel mercato degli investimenti alternativi. Controllato dai fondatori e managing partner Nino Attanasio e Ignazio Castiglioni, il gruppo HAT promuove e gestisce quattro fondi di investimento alternativi riservati ad investitori qualificati con asset in gestione superiori a 400 milioni di euro, operando con team dedicati e due strategie di investimento: Private Equity e Infrastrutture. Sin dalla nascita, HAT è stato pioniere di approcci innovativi nell'attività di asset management, anticipando trend di mercato e sviluppando prodotti di investimento su misura, rispondenti alle specifiche esigenze degli investitori. Nel corso dell'ultimo decennio, HAT ha completato 31 operazioni di investimento, a cui si aggiungono più di 40 operazioni di acquisizione di nuove società tramite le aziende in portafoglio (add-on), 21 exit e 2 quotazioni in Borsa, con un ritorno superiore a 2,7 volte i capitali investiti rendimenti medi in termini di IRR del 21%.