Italia Markets closed

Produttore missili Mbda registra ottimo inizio 2022 dopo 2021 record - AD Italia

·2 minuto per la lettura

ROMA (Reuters) - Il produttore europeo di missili Mbda ha registrato un buon inizio d'anno dopo i risultati record del 2021.

Lo ha affermato Lorenzo Maoiriani, Executive Group Director for Sales & Business Development.

"Sono ottime notizie per tutto il gruppo, sia in termini di ordini che in termini di cassa", ha detto Mariani ai giornalisti.

Ha aggiunto che importanti contratti sono stati chiusi nei primi mesi dell'anno, mentre altri, firmati con la Grecia alla fine del 2021, sono diventati efficaci.

"Contratti che ci hanno dato importanti anticipi".

Il gruppo missilistico è controllato dalla francese Airbus e dalla britannica Bae Systems, che detengono entrambe una quota del 37,5%, e dall'italiana Leonardo, con una partecipazione del 25%.

Mariani ha detto che il gruppo non ha subito disagi alla produzione a causa del conflitto in Ucraina, ma ha osservato che se la guerra dovesse continuare ci potrebbero essere conseguenze, legate all'aumento dei costi dell'energia, ma anche ai prezzi e alla disponibilità delle materie prime.

"Siamo sempre stati ben approvvigionati, a oggi non abbiamo criticità, ma la situazione non sarà sostenibile per sempre", ha affermato.

Mbda non ha commentato in merito all'impatto del conflitto sulla domanda, poiché le informazioni che riguardano le operazioni militari sono di natura riservata.

Il consorzio ha registrato 4,2 miliardi di euro di ricavi lo scorso anno e i nuovi ordini si sono attestati a 5,12 miliardi di euro.

Mbda ha in mano circa il 16% del mercato missilistico globale, in termini di ordini, ma è prima in Europa, con una quota del 43%, come mostra una slide dell'azienda.

I principali rivali sono il colosso della difesa statunitense, Lockheed Martin, e Raytheon Technologies Corp.

Mariani, che è anche amministratore delegato di Mbda in Italia, ha detto che il primo trimestre nel Paese "ha confermato un trend positivo, con ricavi e liquidità al di sopra delle aspettative e consegne completate prima del previsto".

La divisione italiana punta a raggiungere 1 miliardo di euro di ricavi da contratti quest'anno, dai 685 milioni di euro dello scorso anno.

(Giulia Segreti, tradotto da Michela Piersimoni, editing Claudia Cristoferi, Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli