Italia Markets closed

Produzione industriale: Germania vs resto d'Europa

Pierpaolo Molinengo
 

Gli analisti di DWS spiegano che la settimana scorsahanno descritto come lo stato d'animo delle imprese tedesche si sia fortemente deteriorato e quanto sia peggiore rispetto a quello delle imprese francesi. Lo stesso vale se si guardano i difficili dati economici. Per quanto riguarda la produzione industriale, esiste un modello più ampio sulla debolezza tedesca degli ultimi mesi, come dimostra il nostro "Grafico della settimana". La produzione industriale sembra ancora abbastanza solida per l'Eurozona nel suo complesso, con l'Italia, sempre in ritardo ma che in realtà al confronto sta andando abbastanza bene.

Anche il Regno Unito ultimamente sta registrando dati sulla produzione industriale migliori della Germania. Sicuramente, questo non include ancora l'impatto degli ultimi colpi di scena nella disputa in corso sulla Brexit. Dopo tutto, solo alla fine di agosto il Primo Ministro Boris Johnson ha cercato di sospendere il Parlamento, per poi vedere la decisione ribaltata dalla Corte Suprema britannica a settembre. Nel frattempo, il Parlamento ha approvato una legge volta a garantire una proroga del periodo di recesso, a meno che il Parlamento non trovi un accordo o acconsenta entro il 19 ottobre ad uscire senza un’intesa.

Come nel caso della guerra commerciale globale, la Germania, in qualità di primo esportatore europeo, ha subito la maggior parte delle ricadute della Brexit. Tuttavia, la forte dipendenza della Germania dalle esportazioni suggerisce anche che potrebbe essere un grande beneficiario, se il contesto politico sul conflitto commerciale e sulla Brexit dovesse migliorare nelle prossime settimane. E con aspettative e dati reali così negativi, probabilmente c'è un limite alla loro discesa.

Gli analisti di DWS spiegano che i dati sulla produzione industriale tedesca di martedì (non ancora inclusi nel grafico) suggeriscono alcuni primi segnali di stabilizzazione dei dati complessivi. La produzione in agosto è aumentata dello 0,3% sul mese precedente e i dati del mese precedente sono stati rivisti al rialzo, passando da -0,6% a -0,4%. Tuttavia, la produzione manifatturiera ha continuato la sua flessione, in particolare nel settore chimico e farmaceutico che ha subito un forte calo del 3% su base mensile. La "buona notizia" è che a partire da novembre 2019, dovrebbe essere più facile eguagliare o avvicinarsi ai dati dell'anno precedente perché erano già deboli.

Autore: Pierpaolo Molinengo Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online